I gruppi etnici del Sud America o degli amerindi furono le prime persone ad abitare nel sud del continente americano migliaia di anni fa. Ancora oggi ci sono comunità o tribù indigene in tutto il subcontinente, ognuno con la propria lingua, costumi e credenze.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Indice degli articoli

Gruppi etnici del Sud America e loro caratteristiche

Argentina

I primi insediamenti indigeni in Argentina risalgono a circa 8.000 anni fa e si trovavano principalmente ad Ayamapatín (Córdoba), Inti Huasi (San Luis) e Tafí (Tucumán). Le numerose indagini su questi gruppi ancestrali hanno dimostrato che queste comunità vivevano fondamentalmente della pietra e della ceramica.



È stato anche dimostrato che le civiltà di La Aguada (650-800 anni fa), un territorio che si trova tra San Juan, La Rioja e Catamarca, vivevano in gran parte coltivando mais e lavorando con il bronzo.

Ad oggi, l'Istituto nazionale per gli affari indigeni (INAI) registra l'esistenza di vari comunità indigene in Argentina, essendo il più grande per numero di abitanti quello del ava guaraní. Questo gruppo si trova principalmente a Jujuy e Salta e la popolazione supera i 17.000 abitanti.

Questa comunità è seguita dai seguenti gruppi etnici: chané, charrúa, choroté, chulupí, comechingón, diaguita calchaquí, guaraníes, huarpe, kolla, mapuche, mbyá guaraní, mocoví, ona, pilagá, rankulche, tapiete, tehuelche, toba, tupí guaraní wichí. Questi gruppi sono distribuiti tra le province di Salta, Entre Ríos, Formosa, Catamarca, Santa Fe, CABA, Mendoza, San Luis, Chubut, Neuquén, Río Negro, Santa Cruz, Tierra del Fuego, La Pampa, Buenos Aires ...

La stragrande maggioranza delle comunità tribali vive di agricoltura intensiva sedentaria con irrigazione e lavoro artigianale. Ad esempio, i comechingoni utilizzano l'irrigazione artificiale e la coltivazione di cereali in silos sotterranei. Inoltre allevano lama e raccolgono frutti.

Bolivia

Attualmente, 33 comunità etniche coesistono nello Stato Plurinazionale della Bolivia. Questi si trovano in tutto il paese: dalle montagne andine attraversa le pianure del Chaco. Così, nella parte settentrionale del paese, spiccano i quechua e gli aymara in termini di numero di abitanti, che discendono direttamente dalla civiltà Inca.

I gruppi indigeni I boliviani orientali hanno lottato per molti anni per essere riconosciuti dal governo e, dagli anni '80, questi popoli sono visibili quando si pensa alla Bolivia come a uno Stato, da cui il nome ufficiale come Stato Plurinazionale.

Le comunità guaraní convivono anche in Bolivia, concentrate soprattutto tra Río Grande (Santa Cruz) e Río Bermejo (Tarija), al confine con l'Argentina.

Si stima che ci siano circa 250 comunità guaraní distribuite tra i dipartimenti di Tarija, Chuquisaca e Santa Cruz. L'organizzazione comunale dei Guarani funziona seguendo criteri tradizionali. I lavoratori guaraní sono concentrati nelle grandi proprietà, dove coesistono gruppi di famiglie il cui sistema economico è basato sul debito: lavorano nelle tenute fino a quando non pagano il loro debito contratto con denaro o specie che vengono chiamate intoppo.

Altri gruppi etnici boliviani sono gli Ayoreo, Bauré, Canichana, Cavineño, Cayubaba, Chácobo, Chiman, Chipaya, Chiriguano, Guarayo, Yuqui, Yuracare ...

Brasile

I gruppi indigeni del Brasile costituiscono lo 0,4% della popolazione brasiliana totale e attualmente ci sono 240 tribù indigene in Brasile, i cui membri ammontano a un totale di quasi un milione di persone. Il governo brasiliano, da parte sua, ha riconosciuto fino a 690 territori destinati alla vita dei suoi indigeni, di cui la stragrande maggioranza si trova in Amazzonia.

Tuttavia, ci sono anche comunità indigene Guaraní e Kaingang nelle savane e nelle foreste atlantiche del sud, così come nell'interno del nord-est, come i Tupinambás e il Pataxo hã hã hães, che furono i primi abitanti brasiliani ad entrare in contatto con i colonizzatori europei nel lontano 1500. Spiccano anche il kamayura, situato nel Mato Grosso, il Quechua e l'Aymara.

Nonostante siano stati in contatto con la società brasiliana per secoli e secoli, che è in un continuo processo di espansione, la maggior parte dei gruppi indigeni conserva la propria cultura, che include sia la lingua che i costumi.

I guarani sono il popolo indigeno più numeroso, con 51.000 abitanti registrati fino ad oggi. Proprio perché sono il gruppo più numeroso, hanno perso gran parte delle loro tradizioni, così tante comunità vivono in riserve sovraffollate o addirittura in rifugi di tela improvvisati.

Cile

La Legge Indigena 19.253 del 1993 del governo del Cile riconosce i seguenti gruppi come popolazioni indigene: Aymara, Quechuas, Atacameños, Collas, Diaguitas, Mapuches, Kawashqar, Alacalufe, Yámana, Yagán e Rapa Nuí.

Tuttavia, ci sono anche altri gruppi minoritari che non sono stati riconosciuti in detta legge, come gli Aoniken o Tehuelches e gli Onas o Selkman di Tierra el Fuego, che si sono praticamente estinti nel XX secolo. In questo modo, gli autoctoni cileni raggiungono un totale di quasi 700.000 abitanti, che si traducono in quasi il 5% della popolazione totale.

I Mapuches sono la tribù più numerosa, seguita dagli Aymara e dagli Atacameños. I gruppi aymaraad esempio, si trovano sull'altopiano di Visviri a nord e anche nella laguna di Huasco, oltre che sui fiumi Lluta e Azapa.

Il patrimonio culturale di questo gruppo si distingue soprattutto per la sua lingua, la sua religiosità, i suoi modi di espressione e la sua conoscenza della natura. I quechua, dal canto loro, sono fondamentalmente definiti dalla loro lingua, cioè la lingua quechua, e coesistono tra la zona di Ollagüe e il fiume San Pedro.

Colombia

Le comunità indigene della Colombia sono state censite e il risultato ottenuto è stato quello di 87 popoli, che contrasta con le cifre dell'Organizzazione Nazionale Indigena della Colombia (ONIC), che afferma l'esistenza di un totale di 102 gruppi etnici in Colombia .

La ricchezza culturale della Colombia non può essere apprezzata senza tenere conto proprio dei gruppi indigeni che vi convivono, delle proprie lingue, costumi e visioni del mondo, cioè modi di intendere la vita. Nel Area amazzonica È dove esistono più popolazioni indigene, vale a dire: Andoke, Bora, Barasana, Cocama, Inga, Karijona, Kubeo, Letuama, Makuna, Matapi, Miraña, Ocaina, Yagua, Yakuna, Yuri ...

Nel dipartimento di Antioquia ci sono l'Emberá, l'Emberá Chamí e l'Emberà Katio, nonché il Senú e il Tule.



Ecuador

Allo stato attuale, si stima che ce ne siano 13 nazionalità indigene con una presenza in Ecuador, ciascuna con la propria lingua e cultura. Spiccano i Kichwa, che mantengono radicate abitudini dialettali e attività economiche.

I popoli Manta, Huancavilca e Puná, che si trovano sulla costa, hanno sviluppato negli ultimi anni un recupero della loro identità, sebbene, tuttavia, non siano stati in grado di preservare la loro lingua ancestrale. Ci sono anche alcuni popoli che non hanno contatti con la società nazionale, come i Tagaeroi, i Taromenane e gli Oñamenane, che si trovano anche nelle zone di Orellana e Pastaza, in Amazzonia.

Si distinguono sostanzialmente tre aree geografiche in cui sono presenti numerosi gruppi indigeni: quelli situati sulla costa, quelli situati in Amazzonia e quelli che si trovano nella zona montuosa del Paese. Sulla costa spiccano, tra gli altri, gli Awá, i Chachi, l'Epera, lo Tsa'chila e l'Huancavilca.

Nell'area amazzonica possiamo nominare la Sequoia, la Huaorani, l'Achuar, la Siona ... Infine, all'interno delle montagne troviamo il Karanki, il Natabuela, l'Otavalo ...

Guyana

Le foreste della Guyana sono il sostentamento e persino lo stile di vita dei gruppi indigeni della Guyana, che fanno un uso tradizionale dei terreni forestali e vivono di agricoltura a rotazione. Il problema che questi gruppi devono affrontare è l'elevato tasso annuale di deforestazione.

Dei quasi 800.000 abitanti di questo paese, 68.812 sono indigeni, ovvero il 9,2% della popolazione totale. Spiccano gruppi come akawaio, lokono, arekuna, kariña, makushi, patamona, waiwai, wapishana, warau ... Questi gruppi di amerindi subirono il regime di schiavitù quando i colonizzatori europei arrivarono in America.

Dei gruppi sopra menzionati, i più grandi sono i Lokono, con un totale di 16.000 abitanti. Nel 2006, il governo del paese ha redatto la legge amerindia, attraverso la quale si intendeva "spianare la strada agli amerindi negli aspetti sociali, economici e politici".

Gli indigeni della Guyana vivono in un ecosistema praticamente vergine, per il fatto che sono rimasti isolati fino alla fine del XX secolo e per l'uso sostenibile che queste persone hanno fatto delle risorse.

Paraguay

Le popolazioni indigene del Paraguay hanno aumentato la loro popolazione negli ultimi due decenni, da quasi 40.000 a più di 80.000. Di queste cifre, l'indice di mascolinità si attesta al 52% rispetto al 48% delle donne. Allo stato attuale, il censimento nazionale registra 20 diversi gruppi etnici che abitano il paese, che sono divisi principalmente per famiglie linguistiche.

Abbiamo trovato il file Famiglia di lingua guaraní, all'interno del quale si trova il gruppo etnico Ache, che comprende il Cerro Morotî, Ypetîmi, Tapy, Arroyo Bandera ... e il gruppo etnico Ava Guaraní, che comprende gli indigeni di Santa Ana, i Takuarita, i Tahekyi ...

La seconda famiglia linguistica è quella della lingua Maskoy, all'interno della quale si trovano Riacho Mosquito, Castilla, Boquerón Kue, ecc. Altre famiglie linguistiche sono: Mataco Mataguayo, Zamuco e Guaicuru. La cultura di questi gruppi si basa sull'orgoglio delle loro radici indigene e sulla capacità di sopravvivere in condizioni molto precarie.

Perù

In Perù c'è un gran numero di popolazioni indigene: un totale di 54 comunità sono state identificate dal Vice Ministero dell'Interculturalità peruviano. Di tutte queste persone, si stima che almeno 15 di loro si trovino in una situazione di isolamento.

Quindi, questi sono alcuni dei popoli indigeni riconosciuti dal governo del Perù: Achuar, Aymara, Amahuaca, Arabela, Ashaninka, Awajún, Bora, Capanahua, Cashianahua, Chamicuro, Chitonahua, Iquitu, Jaqaru, Kakataibo, Maijuna, muniche, nahua ...

Venezuela

Gli indigeni che attualmente vivono in Venezuela hanno adottato molte delle usanze della società moderna, ma mantengono vive anche le loro usanze ancestrali. Sono principalmente influenzati dall'impatto prodotto dall'attività economica del Paese.

Pertanto, i principali gruppi indigeni del Venezuela sono: l'Acahuayo, l'Arahuac del delta dell'Amacuro e quelli del Río Negro, Arutani, Bari, Cariña, Guajibo, Guajiro, Guayqueri, Maquiritare, ecc.

Suriname

Nelle sue origini, il Suriname era, infatti, un colonia olandese. Negli anni è diventato un Paese multietnico i cui abitanti hanno raggiunto complessivamente i 400.000 abitanti.

Tra i Kari'ña, il Trio, il Wayano, il die Akurio, ecc. Ci sono circa 25.000 cittadini indigeni che mantengono vive le loro usanze ancestrali e sono principalmente impegnati nell'agricoltura, nella pesca e nella caccia. Inoltre, la sua struttura comunale continua ad essere quella dei suoi inizi.

Le popolazioni indigene del Suriname non hanno ancora ottenuto il riconoscimento dal governo, il che significa che non hanno protezione legale e non hanno lo status ufficiale di comunità indigena.

Tuttavia, sono state create due organizzazioni per lottare per i diritti dei popoli indigeni: l'Organizzazione dei Popoli Indigeni del Suriname (OIS) e l'Associazione dei Leader dei Popoli Indigeni del Suriname (VIDS). L'OIS rappresenta le seguenti tribù: Wayana, Katujana, Lo-kono, Okomajona, Katujana ...

Foto in alto di Maria Grazia Montagnari

Questo articolo è stato condiviso 151 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: