I costumi dell'India includono le credenze religiose, la gastronomia, l'arte e gli stili di vita dei gruppi etnici che abitano questo paese. Molte delle tradizioni menzionate di seguito risalgono all'era delle invasioni islamiche, motivo per cui la cultura indù è influenzata anche dalle tradizioni persiane, arabe e turche.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Arte

L'arte dell'India è una rappresentazione della società multietnica e multiculturale che abita questo paese e ha un carattere strettamente legato alla religione. L'arte, infatti, è utilizzata come mezzo di diffusione del religione indùcosì come il buddismo, l'Islam e persino il cristianesimo.



Oltre al carattere religioso, l'arte indiana di solito rappresenta elementi del natura, come montagne, alberi o fiumi, che, per gli indiani, hanno un carattere sacro. Suria, dio del sole; Chandra, dea della luna; Agní, Dio del fuoco; e Indra, dea della pioggia, sono le divinità indiane più rappresentate.

Anche il riferimento al clima monsonico, caratterizzato da forti contrasti in termini di temperature, è un'usanza profondamente radicata.

La rappresentazione aperta di erotismo È anche molto frequente nella tradizione artistica indiana, poiché per la religione indù, il sesso è un modo attraverso il quale l'umano e il divino sono collegati.

Per questo motivo, è consuetudine vedere il file lingam, il sex symbol maschile e ioni, simbolo sessuale femminile, divinità che rappresentano, insieme, la fertilità.

architettura

Come i francesi con la Torre Eiffel e gli americani con la Statua della Libertà, gli indiani sono molto orgogliosi del loro famoso edificio: il Taj Mahal. Turisti da tutto il mondo accorrono ad Agra, la città dell'India settentrionale dove si trova questa meraviglia architettonica, per scattare foto accanto a questo palazzo.

Il Taj Mahal è una meraviglia originale dell'arte Mughal risalente al XVI-XVIII secolo. Il tuo nome, Taj Mahalmezzi Palazzo della Corona e, secondo la leggenda, fu costruito in onore di una donna.

La base di forma rettangolare rappresenta i bordi di una bella donna e, la porta principale, il velo che le copre il viso. Inoltre, il fascino del Taj Mahal è esaltato dal fatto che il suo aspetto cambia in base alla luce del giorno, il che fa sì che il fiume direttamente di fronte si rifletta nella cupola di marmo bianco.

Insomma, per gli indiani questo edificio storico è un simbolo di amore e fede, e si crede che sia il nodo che fa sì che le anime di due amanti rimangano legate oltre la morte.

Ayurveda o medicina tradizionale indiana

Il termine Ayurveda (dal sanscrito ayus-, Significato vida e -veda, equivalente a Ciencia; Si traduce come scienza di vita) si riferisce al millennial sistema sanitario olistico e preventivo originale della cultura indiana.

Si stima che si sia sviluppato più di 6.000 anni fa. La base di questo medicinale è ristabilire l'equilibrio del corpo e rafforzarlo attraverso modi naturali, grazie alle sue capacità di auto-guarigione.

L'Ayurveda risale alla tradizione vedica, cioè la più antica conoscenza nella storia dell'essere umano, che fu scoperta dai cosiddetti rishi o insegnanti vedici, per i quali era come un dono che gli dei concessero all'umanità.

Per rishi, l'equilibrio del corpo si ottiene attraverso il silenzio della mente meditazione, grazie al quale verrà rivelata la saggezza della vita e le leggi della natura.

Attualmente, il Maharishi Ayurveda continua ad essere praticato nella medicina indiana ed è considerato il modo in cui viene ravvivata l'intelligenza del corpo, rafforzandone capacità di guarigione naturale.

Per la tradizione ayurvedica la malattia è il risultato di uno squilibrio che il corpo ha accumulato di giorno in giorno e, quindi, la soluzione verrà se questo squilibrio verrà riconosciuto e le sue impurità verranno eliminate. Più del 20% della popolazione mondiale oggi pratica l'Ayurveda, che, inoltre, è formalmente riconosciuta e raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dal 1991.

Bindi

Siamo mai stati tutti colpiti da punto rosso che le donne indiane indossano solitamente sulla fronte, in particolare a livello delle sopracciglia, tra gli occhi. È chiaro che questo è un segno distintivo della cultura indiana, ma pochi di noi sanno cosa significa veramente. Bene, prima di tutto, questo punto è chiamato bindi, un termine dalla lingua sanscrita che significa letteralmente punto, gota o piccola particella.

Gli studiosi di yoga mettono in relazione il bindi direttamente con l'Ayurveda, di cui abbiamo parlato in precedenza, poiché è considerato un chakra o terzo occhio, cioè un punto energetico che viene attivato attraverso la meditazione, aiutandoci così a trovare la pace interiore.

Tuttavia, la funzione del bindi è intrinsecamente correlata al matrimonio: quando una donna porta questo punto sulla fronte, significa che è sposata. In passato, l'usanza era che lo sposo disegnasse il bindi con il proprio sangue sulla fronte della sposa dopo il matrimonio, rendendo così del tutto chiaro il legame indissolubile tra marito e moglie.

Ad oggi, il bindi non è più fatto con il sangue, ma di solito è fatto con il trucco o anche con un adesivo rosso. Tuttavia, il suo significato è rimasto intatto.

Se una donna è vedova, deve rimuovere questo segno dalla fronte. Nonostante questo significato, molte sono le giovani donne e anche le ragazze che attualmente disegnano il bindi semplicemente per estetica e indipendentemente dal loro stato civile, anche se è vero che non sarà rosso.

matrimonio

Il matrimonio indù comprende un processo abbastanza complesso indipendentemente dalla famiglia a cui appartiene.

Il matrimoni combinati o predisposto dai genitori e da altri membri importanti della famiglia, anche se sempre più spesso sono i futuri sposi a dare il loro consenso alla fine del processo.

Così, oggi, il tasso di divorzi in India è solo dell'1% rispetto a quasi il 40%, ad esempio, negli Stati Uniti.

Per gli indù, il matrimonio è un sacramento mediante il quale i membri della famiglia non solo assicurano la continuità della dinastia familiare, ma è anche un modo per pagare i debiti che possono essere in essere con gli antenati.

Per questo motivo, il matrimonio indù segue la corrente di pensiero chiamata Grihastha, che letteralmente significa essere impegnato con la casa e la famiglia ed è la seconda fase nella vita di ogni persona all'interno delle quattro fasi in cui è divisa secondo l'Ashram o sistema di fasi della vita secondo l'induismo.

In passato, i matrimoni combinati avvenivano quando i coniugi erano ancora molto giovani, soprattutto nel Rajasthan, uno stato dell'India nord-occidentale. Tuttavia, nel corso degli anni, sono state stabilite leggi che regolano l'età minima a partire dalla quale è consentito il matrimonio.

Tradizionalmente, la famiglia della sposa deve fornire allo sposo o alla sua famiglia una dote, cioè la parte che corrispondeva alla sposa del patrimonio di famiglia, poiché una figlia non aveva i diritti legali di ereditare nessuna delle proprietà della sua famiglia.

Cerimonia Garbhaadaan

Soprattutto nell'India rurale, il rituale chiamato Samskaar garbhaadaan è particolarmente importante nella vita dei suoi abitanti. Garbhaadaan mezzi fecondazione e si riferisce al fatto che l'obiettivo più importante nella vita di una persona sposata è essere padre e, inoltre, il loro primogenito deve godere di ottima salute e istruzione.

Quindi, affinché una donna produca un figlio con le caratteristiche ideali del marito e coraggioso come Abhimanyu, spirituale come il re Janaka, devoto come Dhruva e generoso come Karna, deve fare il bagno il quarto giorno dopo la sua ultima mestruazione per sii casto e poi prega i tuoi anziani e guru.

Poi il fecondazione Deve essere effettuato nella cosiddetta terza fase della notte, cioè tra le 0:00 e le 3:00. Se questo rituale viene seguito come indicato, il bambino che nascerà sarà una persona retta, onorata e devota a Dio.

Adorazione del Mahatma Gandhi

Mahatma Gandhi (1869-1948), meglio conosciuto semplicemente come Gandhi, era un pensatore, politico e avvocato indù originario dell'India britannica. È anche conosciuto come bapu, Significato sacerdote in lingua gujarati.

Gandhi è considerato uno dei grandi difensori dei diritti umani, soprattutto per aver praticato apertamente il principio di Satyagraha, neologismo coniato da lui stesso e tradotto da insistenza sulla verità o forza dell'anima.

Questo principio rappresenta un sistema di lotta, disobbedienza e resistenza a ciò che lui stesso chiamava tirannia. Questa resistenza è stata eseguita attraverso il disobbedienza civile di massa non violenta nelle sue stesse parole.

Gandhi ha promosso campagne per alleviare la povertà, espandere i diritti delle donne, eliminare le ingiustizie e creare armonia religioso-etnico.

Fu imprigionato numerose volte per questo, ma ciononostante, nel 1947, appena un anno prima della sua morte, ha permesso all'India di diventare indipendente dalla Gran Bretagna. L'importanza di Gandhi è tale che sulle banconote della rupia indiana (la moneta dell'India) compare l'effigie del suo volto.

Diya

Un diya è una specie di lampada in argilla o argilla che è anche conosciuta come Divaa, deepak o profondo. È uno stoppino bloccato in un batuffolo di cotone che viene immerso in latticello o olio vegetale. I fai da te sono usati in India per illuminare in occasioni speciali. Esistono, tuttavia, diyas in ottone, che costituiscono elementi fissi come i mobili nelle case degli indiani, così come nei templi indù.

Diyas sono usati principalmente in feste religiose tipico dell'induismo, sikhismo, giainismo e zoroastrismo o mazdeismo, come il festival Diwali, Divali o Deepvali (letteralmente, Festival delle Luci), che si celebra ogni anno durante l'autunno, o la cerimonia Kushti o Kusti, tipica dello zoroastrismo e in cui i seguaci di questa religione mettono questa sacra fascia intorno alla vita per la prima volta.

In ogni caso, l'usanza di posizionare queste piccole lampade è dovuta al fatto che sono un simbolo del vittoria del bene sul maleUna credenza particolarmente radicata nella città di Ayodhya, situata nel nord dell'India.

Molte famiglie hanno anche l'usanza di accendere una di queste lampade ogni mattina e ogni sera, che non è solo un'usanza, ma significa sottomissione dell'anima al supremo potere divino.

L'olio simboleggia l'astuzia dell'essere umano, mentre il cotone rappresenta l'anima di se stessi; così, per raggiungere l'illuminazione dell'anima ed essere legato al supremo potere divino, l'essere umano deve liberarsi del materialismo, fatto che è rappresentato dalla combustione dello stoppino.

Fiera dei cammelli di Pushkar

La fiera dei cammelli di Pushkar, Pushkar Mela O semplicemente, la Fiera di Pushkar si tiene ogni 3 novembre nella città santa di Pushkar, sulle rive del deserto del Thar, nello stato indiano del Rajasthan.

Pushkar è una città di soli 15.000 abitanti, piena di cammelli colorati, turbanti e devoti ogni anno. Nonostante le piccole dimensioni di questa città, durante questo festival quasi un quarto di milione di persone si riuniscono lì, molti dei quali viaggiatori curiosi che vogliono godersi questo evento culturale.

Il Pushkar Mela dura dieci giorni (un periodo che va dal 1 ° al 10 novembre ed è noto come mese di kartik) ed è una festa ricca di usanze, come:

  • Vai al tempio di Brahma per rendere omaggio a questa divinità
  • Fai una serie di bagni rituali sui gradini o ghat del lago sacro
  • Gettando sulle acque di questo stesso lago diversi diyas, cioè lucerne a olio di cui abbiamo parlato in precedenza

In definitiva, tutte queste usanze sono rituali sacri che riempiono l'atmosfera di spiritualità.

La cosa più importante di questa fiera è il vendita di cammelli, quindi questi sono decorati con collane Naguar, coperte Merta, tessuti Jodhpur, selle e persino qualsiasi tipo di utensile domestico che possa incoraggiare la vendita di questo animale.

Inoltre, nelle dune del deserto del Thar si svolgono gare di cammelli e persino concorsi di bellezza che premiano il cammello meglio decorato.

Filosofia e scienza

Per l'India la cultura, la filosofia e la matematica hanno svolto per secoli un ruolo fondamentale. Pertanto, le dottrine indiane hanno avuto un forte impatto sul mondo del pensiero. Le scuole indù e buddiste, così come la dottrina teistica, hanno fortemente influenzato il mondo della filosofia e della scienza.

Storicamente, l'India è stata un pioniere in molti aspetti dello sviluppo e della ricerca nei campi della logica, della matematica, del razionalismo e del materialismo, tra gli altri campi della conoscenza.

Tuttavia, l'ignoranza circa i contributi in questi campi da parte delle dottrine indiane è dovuta al fatto che la stragrande maggioranza dei testi fu distrutta nell'era del fanatismo religioso.

Forse, la scuola indiana che ha trasceso di più è stata quella di Charvaka, considerata come la più antica scuola di pensiero materialista del pianeta che si è formata tra il VII secolo a.C. C. e inizio Novecento d. C., parallelamente alla scrittura del libro sacro indù Upanishad.

Gastronomia

Se prima abbiamo parlato del multiculturalismo che regna in India, il cibo è senza dubbio uno dei modi attraverso i quali questa caratteristica della cultura indiana può essere riflessa.

Così, le usanze culinarie formano un insieme molto vario, risultato della diversità culturale che ha arricchito il paese per secoli. I sapori dell'India sono strettamente legati all'uso di speziecosì come le verdure.

Tra gli ingredienti base, il riso, la Atta o farina integrale di pane e il verdure, di cui esistono fino a cinque diverse varietà: chana (ceci), il toor (Cece indiano), il urad (lenticchia nera) e il mung (semi di soia verde).

Il curry, un condimento che si è ormai diffuso in tutto il mondo. Tra le varietà di curry più apprezzate spicca il Vindaloo, noto anche come re dei curry e di cui spicca la sua qualità piccante.

Anche il Curry Saag e Madras sono molto popolari, tra molti altri. Allo stesso modo, i piatti indiani più popolari sono: il lassi, gli achar, i rotis o il chapatis (una specie di frittata).

Henné o Mehndi

Il famoso tinta rossastra naturale che è noto come alcanna Riceve anche altri nomi, tra cui: alcanna, mendhi y arjena.



L'uso più comune di questo colorante è per colorare la pelle, una tecnica nota come mehandi. È un colorante di uso comune non solo in India, ma anche nei paesi arabi del Pakistan, dello Yemen o dell'Iran, nonché in Medio Oriente e Nord Africa.

Per fare un tatuaggio all'henné, nome con il quale questi dipinti sulla pelle sono diventati popolari a livello internazionale, tradizionalmente si usano una foglia secca e il picciolo della pianta di henné o Lawsonia inermis, da qui uno dei nomi precedentemente menzionati.

L'uso dell'henné risale ai più antichi libri vedici indù, dove sono state trovate descrizioni di questa usanza.

Il più comune è il suo utilizzo per colorare il Palmi delle mani delle donne, anche se, tuttavia, nel tempo il suo utilizzo si è diffuso tra gli uomini e in altre zone del corpo, come i capelli o le unghie.

Come i matrimoni o il diyas, l'usanza di inchiostrare le mani è una rappresentazione simbolica della tradizione vedica, secondo la quale questo disegno è un riflesso esterno del Sole che i singoli ospitano all'interno, rendendo così questa luce interna accendere.

Igiene e igiene personale

Gli indiani sono uno dei popoli più puliti del pianeta. Sebbene questa affermazione possa sembrare incoerente a molti occidentali abituati a vedere immagini di strade indiane disseminate di immondizia, la spiegazione è la seguente: per gli indù l'igiene personale e domestica è una cosa e gli spazi pubblici un'altra. .

Ancora una volta, i diversi rituali di igiene e pulizia presenti nelle case degli indù sono dovuti al fatto che l'igiene personale è associata alla nozione di purezza. Quindi, secondo i passaggi da seguire all'interno di questo rituale, il primo passo è defecare non appena ti alzi.

Nell'India rurale, molti indiani vanno in campagna con una pentola piena d'acqua per fare i bisogni perché non ci sono bagni. Quando finiscono questo atto, si lavano accuratamente con acqua e usando sempre la mano sinistra, mai la destra, che è quella usata per mangiare.

Il secondo passo sarà lavarsi i denti. Fino a pochi anni fa si utilizzava un ramo di un albero che si sfalda se sfregato contro i denti. Successivamente, la persona in questione procederà al bagno, atto noto come snan ed è considerato il rito purificatore per eccellenza, poiché nel frattempo vengono recitati e pregati testi sacri alle diverse divinità indù.

induismo

L'induismo è una delle religioni più antiche del pianeta secondo i diversi scritti trovati, databile approssimativamente dal 1400 al 1500 a.C. Si caratterizza principalmente perché ha milioni di divinità.

È la tradizione religiosa predominante a Bali, in India e in Nepal. Attualmente, l'induismo è la terza religione più diffusa al mondo con i suoi oltre un miliardo di fedeli.

L'induismo è la religione di 80,5% della popolazione indiana totale e, a volte, si mescola al buddismo, così che i fedeli di questa tendenza si considerano buddisti-indù.

Uno dei tratti caratteristici della religione indù è che all'interno di questa cultura ce ne sono altri, come il teismo, il panteismo, l'ateismo, ecc. Inoltre, ha diverse ideologie religiose diverse, cioè sia politeiste che monoteiste. Ci sono migliaia di dei che appartengono al pantheon indù.

Nella sua parte Vedanta, c'è un solo Dio, il dio bramano, che è considerato avere l'aspetto originale di Dio. Pertanto, il resto degli dei e degli esseri divini dell'universo aspirano ad essere la sua espressione, motivo per cui Brahman è il inizio dell'Universo.

La stragrande maggioranza delle usanze praticate in India sono legate a questa religione, come la dieta seguita dagli indù, per la quale esistono tre tipologie di cibo:

  • Tamasic
  • Rajasic
  • Alimentazione sattvica

Anche altre tradizioni come il rituale seguito durante i matrimoni o la spiritualità sono dovute all'induismo.

Festival di Holi

Joli, Meglio conosciuto come Festival di Holi Con il suo nome in inglese, è un festival indù che si svolge in India, Guyana e Nepal durante la stagione primaverile.

Questa festa è popolarmente conosciuta come la festa dei colori o la festa dell'amore. La fama di questo festival ha varcato i confini e oggi è celebrato come evento culturale in molte città d'Europa e degli Stati Uniti.

Consiste in una festa religiosa indù in onore di Joliká, la sorella malvagia del re Hiranyakashipu che tentò di assassinare il principe Prahlada, ma fu salvato grazie all'apparizione del dio Vishnu, che fece morire Joliká bruciato dalle fiamme, tutti loro personaggi di mitologia indù.

Per questo motivo, la sera prima della celebrazione di Holi è consuetudine accendere un falò davanti al Tempio di Jagdish (Udaipur), come rappresentazione del trionfo del bene sul male.

Da parte sua, durante l'Holi vengono lanciati polvere gulal colorata (pigmenti colorati) in commemorazione dell'amore divino di Radha per Krishna, entrambe importanti divinità indù. È anche considerato come un modo per sbarazzarsi di possibili errori commessi in passato, cioè perdonare e dimenticare.

lingue

Come abbiamo già accennato prima, l'India è un paese multiculturale e multietnico. Per questo motivo, non sorprende che abbiano riconosciuto fino a 30 lingue ufficiali e ci sono circa 2.000 lingue senza riconoscimento ufficiale.

Secondo la Costituzione indiana, le lingue ufficiali del governo nazionale sono l ' hindi e il Inglese. Tuttavia, l'inglese ha cessato di funzionare come lingua del governo a partire dal 1965, così come l'hindi, anche se non ufficialmente entrambe le lingue sono molto influenti sia per la comunicazione nel governo che per gli affari.

Allo stesso modo, a Goa l'uso di Portugués. Il sanscrito, da parte sua, è una lingua classica parlata oggi da soli 200.000 parlanti.

La tabella seguente elenca le 19 lingue più parlate di queste 30 e la regione in cui ciascuna è parlata:

LinguaRegione
AssameseAssam
bengaleseBengala occidentale e Tripura
BodoAssam
DogriKashmir e Jammu
GujaratiGujarat, Damán e Diu, e Dadra e Nagar Haveli
HindiBijar, Chandigarh, Chhattisgarh, Isole Andamane e Nicobare, Delhi, Jariana, Himachal Pradesh, Jharkhand, Madhya Pradesh, Rajasthan, Uttaranchal e Uttar Pradesh
KannadaKarnataka
konkaniGoa
MaithiliBihar
MalayalamLakshadweep e il Kerala
ManipuriManipur
marathiMaharashtra
NepaliSikkim
OriyaOrissa
panjabiPanjab
TamilTamil Nadu e Pondicherry
TeleguAndhra Pradesh
UrduKashmir e Jammu
punjabiPunjab

Letteratura

All'interno della letteratura indiana, il Ramaiana e il Mahabharata sono i due poemi epici più popolari allo stesso tempo degli antichi. Nel corso degli anni, diverse versioni e adattamenti di queste opere sono state scritte e diffuse in tutto il sud-est asiatico, in paesi come Indonesia, Thailandia e Malesia.

Particolarmente degno di nota è la Ramaiana, un'epopea che ha notevolmente influenzato la definizione dello stile di vita indù, soprattutto nello stabilire il ruolo del dharma, che letteralmente significa corretta condotta divina e questo è stato applicato come principio fondamentale nella cultura indiana.

Anche la Ramaiana Valkimi Ramaiana, ha notevolmente influenzato l'arte e la cultura del subcontinente indiano, così come del sud-est asiatico, e si ritiene che contenga gli insegnamenti di base dell'educazione.

Il Natale, sebbene sia davvero un'usanza della religione cristiana, oggi viene celebrato quasi in ogni angolo del mondo, dove è trasceso più come usanza che come semplice tradizione religiosa. In India il Natale viene celebrato in grande stile e, nel tempo, altre tradizioni più tipiche di questo paese sono state incorporate nelle tradizioni tipiche.

Per quanto riguarda i simboli natalizi indù, anche se se ne possono citare diversi, il principale è molto diffuso in tutto il mondo: si parla di Babbo Natale o Babbo Natale. Come in qualsiasi altro paese, i bambini indiani esprimono i loro desideri e aspettano i regali dall'amato signore dalla barba bianca che viaggia per il mondo ogni 24 dicembre.

Tuttavia a questo simbolo internazionale se ne aggiungono altri più tipici della cultura indiana, come ad esempio Lakshmi, la dea della fortuna, che viene omaggiata la sera del 24 dicembre; e Ganesha, la famosa divinità dalla testa di elefante considerata un amuleto di buona fortuna e prosperità.

Un'altra usanza del Natale in India è quella di accogliere l'arrivo di questa festa con grandi sfilate per le strade, in cui si travestono i suoi assistenti, soprattutto i bambini.

Per quanto riguarda i regali, questi sono considerati un segno di abbondanza e un modo per attirare energie positive. Pertanto, è consuetudine che tutti ricevano e facciano almeno un regalo. A livello culinario, il dolce tradizionale del giorno di Natale (25 dicembre) è il pane alla frutta secca.

Rituale dei bambini nell'aria

Una delle usanze più rare in India è quella del rituale noto come rituale dei bambini dell'aria. Consiste nel lanciare letteralmente i neonati da un'altezza di 15 cm. Questa pratica è molto comune in India.

La sua origine risale all'antica India, anche se la data esatta non è nota, ma si stima che potrebbe risalire a circa 500-800 anni fa. Questa celebrazione è stata effettivamente portata in India dagli arabi e si tiene ancora oggi nel Tempio Maruti, situato nello stato del Karnataka, a sud dell'India.

La caduta dei bambini avviene su un telo elastico bianco steso al sole e tenuto da alcuni uomini. Questo atto simboleggia il prosperità nella vita di questo bambino, che, grazie a questo rito, godrà di buona salute e della benedizione di Dio.

Onda

Il saluto originario dell'India è noto come Namaste ed è utilizzato in varie tradizioni buddiste e culture asiatiche. Il Námaste è usato sia per dire hola come addio, oltre a rendere grazie, mostrare rispetto verso l'interlocutore e anche pregare.

Questa espressione è accompagnata da un leggero inchino della testa e le palme delle mani aperte e premute insieme a livello del petto, più o meno sotto il mento, simile alla posizione tipica per la preghiera. Il saluto è stato chiamato così perché, a questo gesto, la parola accompagna hai chiamato.

L'etimologia di questo termine deriva dalla lingua sanscrita ed è formata da namas-, Significato riverenza o culto e -tèletteralmente a ti. Pertanto, hai chiamato mezzi Ti venerò.

Questa espressione è usata molto frequentemente nelle pratiche di yoga come forma di saluto e addio, sebbene sia anche un simbolo di espressione di auguri. Nella cultura giapponese esiste anche e si chiama Gasshō.

Sari

Il sari, chiamato anche saree o shari, è l'abito utilizzato dalle donne del subcontinente indiano. È un abito in seta che avvolge il corpo come un vestito e può essere di diversi colori. Il termine sari viene dalla lingua hindi e significa semplicemente vestire.

Il tessuto è solitamente lungo da 4,5 a 8,2 me largo da 1 a 1,2 m. È posizionato intorno alla vita e un'estremità è arrotolata sulla spalla, in modo che lo stomaco sia esposto. La parte superiore è chiamata Choli e la gonna inferiore è conosciuta come lehenga.

L'origine di questo capo di abbigliamento risale agli anni 1800 e 2800 a.C., periodo in cui il Civiltà della valle dell'Indo nella parte occidentale del subcontinente indiano, quando fu raffigurato per la prima volta un sacerdote che indossava una specie di tunica. Pertanto, il sari è considerato un indumento unisex.

Esistono numerosi tipi di sari che differiscono l'uno dall'altro fondamentalmente per la decorazione del loro tessuto. Quindi, i più utilizzati sono banarsi, che si distinguono per la loro delicatezza, la finezza della seta e il design ispirato all'arte Mughal, che lo rende il capo per eccellenza in occasioni speciali (es. matrimoni).

sadhu

Un sadhu o Saa-dhu È la più alta rappresentazione della religione indù oggi. Si tratta di una asceta indù o monaco che segue la via della penitenza, del progresso spirituale e dell'equilibrio mentale attraverso il comportamento chiamato Sadhana. I sadhu praticano questo comportamento quotidianamente per correggere la loro mente ed esercitare il loro corpo per raggiungere l'infinito interiore.

El Sadhana È la quarta fase all'interno delle fasi della vita stabilite dall'induismo dopo aver studiato, oltre ad essere stato padre e pellegrino. I sadhu rinunciano ai piaceri terreni o materiali per trovare i veri valori della vita. Pertanto, i sadhu vivono nella società, cercando di ignorarla.

Ogni sadhu imita la vita di Shiva, un essere mitologico della tradizione indù considerato come il principale di tutti gli asceti. L'abito tipico di questi monaci è di colore zafferano per simboleggiare che hanno ricevuto la benedizione del sangue fertile di Parvati, il partner di Shiva.

Odissi, la danza classica dell'India

Le arti dello spettacolo sono sempre state uno dei pilastri fondamentali della cultura indiana.

L'arte della danza o Nâtya-shâstra e lo specchio del gesto o Abhinaia-darpana Sono due testi scritti originariamente in sanscrito che sono stati conservati fino ad oggi da quando furono scritti approssimativamente tra il 200 a.C. e il 300 d.C. La danza per la cultura indiana è un'arte deliberata, cioè nessun elemento è il risultato del caso, ma che cerca di trasmettere idee.

Secondo il Nâtya-shâstra, ci sono nove stili di danza:

  • Bharata natyam
  • Odissi
  • Mohiniyattam
  • Kuchipudi
  • Kathak
  • Kathakali
  • Manipuri
  • Sattriya
  • Chhau

Ovviamente, ognuno di questi stili ha un costume caratteristico. Inoltre, le danze sono una rappresentazione narrativa degli elementi della mitologia indù. Secondo l'attrice indiana Ragini Dwivedi, l'arte della danza in India è considerata un espressione di bellezza interiore e la divinità dell'essere umano.

Gioielli tradizionali

Come il resto delle usanze sopra menzionate, la gioielleria tradizionale delle donne indiane è tanto varia quanto sorprendente ed è caratterizzata dai suoi disegni, realizzati per quasi ogni parte del corpo.

In generale, i gioielli indiani variano a seconda della regione, poiché ognuno ha uno stile unico e originale. Pertanto, negli stati di Andhra Pradesh e Orissa, la filigrana d'argento, nota come Tarkashi, viene solitamente lavorata.

In ogni caso, ci sono nove gioielli fondamentali e comuni nell'abbigliamento quotidiano delle donne indiane. Sulla testa viene chiamato l'ornamento indossato in mezzo ai capelli e che termina sulla fronte Maan Tikka.

Questo gioiello veniva utilizzato esclusivamente per matrimoni, ma oggi viene utilizzato in altri contesti come le feste. Da parte sua, viene chiamato il famoso anello o piercing al naso Nathni. Gli orecchini o orecchini sono chiamati Jhumka e sono usati da uomini e donne fin dall'antichità, quando si usavano ossa di animali o pezzi di legno.

Questo articolo è stato condiviso 412 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: