I costumi tipici di tutti i paesi del mondo sono legati al clima, alla cultura e alla geografia del paese che rappresentano. Tutti hanno un significato storico e, nella maggior parte dei casi, vengono utilizzati in occasione di feste o occasioni speciali. Qui vi mostriamo come si vestono nei cinque continenti.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

America Latina

All'interno del continente americano, le principali variazioni tra i paesi del Sud e Centro America hanno a che fare con il clima e le abitudini. Per questo motivo, nel tipico abbigliamento maschile, tendono a predominare le camicie in tessuto pregiato, così come un cappello per proteggersi dal sole.



Costumi Honduras, Nicaragua e Guatemala sono realizzati con tessuti colorati, ricamati o con fantasie floreali, o anche lucidi. La gonna o sottoveste è solitamente svasata e la parte superiore è scollata. Il costume a fiori è il tipico abito coloniale ed è utilizzato in balli come il Varsavia o il Cuadrillas.

En Sudamerica evidenzia il costumi tipici dell'Argentina, come quella del gaucho, della paisana o l'abito per ballare il tango, il ballo per eccellenza della Repubblica Argentina. Va notato che l'abito contadino è la versione femminile dell'abito gaucho e include una gonna semi piatta senza sottoveste.

Entro Perù, l'abbigliamento va di pari passo con le diverse razze che abitano il paese. Così, nei dipartimenti di Arequipa, Cusco, Cajamarca, Ayacucho e Puno, tra le altre zone delle montagne, l'abbigliamento è progettato per proteggere dal freddo.

In Colombia c'è il Jaime Duque Park, un parco di divertimenti dedicato alla ricreazione della famiglia. Diviso in più sezioni, una di esse è dedicata ai diversi costumi tipici del pianeta, compresi quelli dei paesi dell'ONU. Contiene anche una collezione di Barbie e più di 1.000 bambole vestite con costumi regionali del mondo.

Da tipico vestito brasiliano, possiamo dire che è, senza dubbio, quello usato per ballare il samba. Anche quelli che si possono vedere nel famoso Carnevale di Rio de Janeiro, così come quelli delle feste di giugno. Questi ultimi attirano l'attenzione per i ricami e i colori vivaci.

America del Nord

In Nord America, i più importanti sono costumi regionali del Messico. Ad esempio, in Nayarit La tradizione degli indiani Coras e Huichol predomina, con la loro cultura creativa e le varie abilità artigiane. Da qui la fama dei suoi capi in lana e dei suoi disegni simmetrici multicolori. Le donne tessitrici sono conosciute come Huichol anche.

Il clima dello stato di Tabasco ha determinato l'abbigliamento delle donne Tabasco. Qui spicca l'abito a fiori, con i suoi tessuti leggeri, i toni neutri e gli elaborati ricami. Il costume completo è composto da un'ampia gonna o chintz e una camicetta bianca ricamata con fiori nei colori regionali del Tabasco (blu, verde, giallo e rosso).

El vestito di jeans è probabilmente il primo che ti viene in mente quando ci pensi abbigliamento tipico degli Stati Uniti. L'outfit di cowboy Ha la sua origine nel Far o Wild West, in particolare nel famoso esploratore Buffalo Bill. L'abito mette in risalto i tipici stivali da cowboy o la famosa bandana al collo.

Infine, di Canada evidenziamo soprattutto l'abbigliamento nativo dei diversi gruppi indigeni residente nel paese. Molto rappresentativi del Paese sono invece l'uniforme della Royal Mounted Police e il guardaroba dell'hockey su ghiaccio, sport in cui il Canada ha un maggior numero di medaglie d'oro.

paesi europei

Dal continente europeo i costumi regionali di Spagna, Francia, Italia, Germania, Russia e l'Olanda, tra gli altri. Sebbene ogni nazione abbia un abbigliamento tipico, hanno in comune l'abitudine di adornare i tessuti con ricami floreali, stampe a righe o qualsiasi altro motivo.

I costumi spagnoli variano in base alla regione. Evidenzia il seme flamenca, era solito ballare questa famosa danza, così come quella della fallera, tipica delle famose Fallas di Valencia. Nei Paesi Baschi, ad esempio, si può vedere che i costumi di uomini e donne sono legati alla vita pastorale e contadina della regione.

L'abbigliamento della Francia è stato costituito dai diversi eventi accaduti nella sua storia. L'abito da donna si caratterizza per essere solitamente color terra, lungo e adornato da motivi floreali. Sono comuni anche una giacca a maniche corte e scarpe eleganti in tonalità simili a quelle del completo.

Se passiamo a ItaliaPossiamo dire che il costume tradizionale del paese risale all'epoca dell'Impero Romano e del Rinascimento, quindi i costumi del carnevale di Venezia sono pensati per rappresentare questo periodo storico. L'abbigliamento tipico per le donne comprende una gonna a pieghe e una camicia di cotone. Nel Sardegna, ad esempio, si chiama il costume tipico Sarda.

Gran parte del cultura russa Si riflette nel tipico abbigliamento da uomo, di cui spicca la camicia, che viene chiamata kosovorotka, che letteralmente significa archetto incrociato. La sua origine risale al XII secolo, quando gli uomini dovevano indossare una croce sul corpo. Quindi si abbottona da un lato: in questo modo la croce non cadeva mentre lavoravano.

Africa

Il gran numero di Comunità indigene africane, sommato alla lunga storia e alle svariate usanze diffuse in ogni paese, rende praticamente infinito l'elenco dei costumi tipici africani.

Prima di tutto, l'abbigliamento di Egitto è probabilmente meglio conosciuto per la sua influenza orientale e l'eredità che il faraoni del Antico Egitto Sono andati via. Pertanto, l'abbigliamento maschile tipico è caratterizzato dall'inclusione di una tunica con un'apertura nella parte anteriore superiore e che arriva ai piedi. Il colore può essere dal bianco scuro al bianco neutro.



Il tradizionale costume femminile usava combinare tessuti di cotone e lino quasi trasparenti, e arrivava anche fino ai piedi. Anche l'uso di parrucche e cosmetici multipli, in particolare il trucco, era comune sia negli uomini che nelle donne. Attualmente, gli egiziani vestono in modo molto occidentale, anche se è comune usare una specie di camice chiamato chilava.

La tunica Non è solo identificato con il mondo egiziano, ma è utilizzato dagli abitanti della maggior parte dei paesi africani, come nel caso della Nigeria. Il design di questo capo di solito risponde a un modello comune ed è decorato con ricami diversi. La tuta nel suo insieme è ampia, caratteristica che aiuta a resistere alle alte temperature.

Tra i diversi tribù indigene dell'AfricaSuggestivi i costumi di chi vive in Kenya, dove uomini e donne sono dominati da colori sgargianti legati alla natura che li circonda. Va notato che anche gli uomini indossano una gonna fino alle ginocchia e di solito decorano la testa con nastri o sciarpe.

parola araba

I paesi musulmani sono divisi tra Africa e Asia, anche se i principali si trovano nel continente africano, tra loro Egitto, Libia, Tunisia, Algeria, Marocco, Sudan, Ciad, Mali e Mauritania. Nella penisola arabica, evidenziamo paesi come l'Arabia Saudita, il Qatar o gli Emirati Arabi Uniti, tra molti altri.

Il Corano, il libro sacro dell'Islam, detta una serie di regole che devono essere rispettate quando si veste, come indossare abiti stretti in modo che le forme del corpo non siano evidenti, non indossare tessuti trasparenti, evitare colori accesi o fosforescenti, eccetera.

L'abbigliamento maschile, nel frattempo, dovrebbe coprire l'intero corpo dall'ombelico al ginocchio e non dovrebbe usare seta o oro. L'abbigliamento maschile deve essere modesto, dignitoso e ampio, non aderente al corpo. In molti paesi musulmani, gli uomini indossano una veste ogni giorno. Altri indumenti di base sono:

  • Kufiyya: è la veste che copre le teste degli uomini ed è un segno di orgoglio per l'identità araba.
  • Thawb, thobe o suriyah: è il nome dato alle vesti in Libia. Si caratterizzano per essere lunghi, fino alle caviglie. D'estate sono bianche, mentre d'inverno sono scure e di lana.

Per quanto riguarda le donne, il capo più conosciuto è il hijab, Significato velo in arabo, identificato in occidente con il nome di sciarpa islamica. L'hijab copre la testa e il collo delle donne ed è un simbolo femminile nella cultura islamica, strettamente correlato alla religione.

Esistono altri tipi di velo, come il niqab, che copre l'intero viso e rivela solo gli occhi. È usato dalle donne più conservatrici, come il burqa. Quest'ultimo copre l'intero corpo e rivela solo una piccola griglia per consentire la visione.

Oceania

Nel caso dell'Oceania, i suoi numerosi arcipelaghi e isole rendono difficile definire un costume tipico e persino identificare caratteristiche comuni. In ogni caso, il clima e la geografia di ogni paese sono stati i due fattori storicamente più influenti nello stabilire i costumi per ciascuna regione.

L'abbigliamento tipico di Australia è conosciuto come larriki ed è correlato alle persone chiamate larrikins, un gruppo caratterizzato dal suo disprezzo per le autorità australiane. Il suo abbigliamento consiste in pantaloni di colore scuro, una camicia con una giacca a maniche lunghe con un colletto aperto. Non può mancare un cappello nero.

Da segnalare anche i costumi tipici dei paesi Aborigeni australiani. Sebbene questi gruppi umani siano oggi una minoranza, sono riusciti a mantenere in vita la loro cultura e le loro usanze ancestrali. Il suo costume tipico è caratterizzato, più che dagli indumenti che lo compongono, dal dipinti di esseri mitologici con cui coprono il loro corpo.

Scorrendo fino a TongaAnche i costumi delle loro danze tradizionali, come Lakalaka, Ma'ulu'ulu, Kailao, Soke, Me'etu'upaki o 'Otuhaka, attirano l'attenzione. Di fronte ai turisti, le donne tongane si coprono il corpo con una specie di grasso imbrattato quando ballano, in modo che le banconote di mancia si attaccino a loro.

Abbigliamento tradizionale asiatico

Costumi tradizionali cinesi e quelli di Giappone Sono quelli che più attirano l'attenzione del continente asiatico. Nel caso della Cina, l'hanfu e il qipao sono i due capi più riconosciuti:

  • Hanfu: Era l'abbigliamento tradizionale del gruppo etnico Han, con più di 3.000 anni. Ha influenzato l'abbigliamento tradizionale di altri paesi asiatici come Giappone o il Vietnam.
  • Qipao o cheongsam: È un abito femminile che era tradizionalmente realizzato con la seta. È un capo comodo ed elegante con un taglio semplice per consentire l'esecuzione dei movimenti con facilità.

L'abito giapponese per eccellenza è il chimono, utilizzato dalle donne nella loro vita quotidiana fino ai primi anni del dopoguerra. Oggi, il kimono è ancora il costume della donna giapponese per eccellenza, anche se non viene più utilizzato nella vita di tutti i giorni, ma solo in occasione di matrimoni, cerimonie o feste.

Nel caso del India, si chiama l'abbigliamento femminile tradizionale sari e consiste in un telo rettangolare che misura tra 5 e 8 metri di lunghezza per 1,2 m di larghezza. Il sari viene arrotolato sul corpo ed è legato in un modo speciale per farlo sembrare un vestito. Inoltre, è accompagnato da una camicetta o camicia interna.

Per quanto riguarda il costume dell'uomo indù, si chiama il suo costume dhoti ed è originario del Bengala e delle varie comunità della valle del Gange. È un pezzo bianco o beige, anche rettangolare, di cotone, che si arrotola in vita e passa per entrambe le gambe. È il capo che Ghandi usava quotidianamente.

Questo articolo è stato condiviso 60 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: