Il Nicaragua è un paese di tradizioni e costumi tramandati di generazione in generazione, tra i quali spiccano le sue espressioni musicali, artistiche e di danza. In questo articolo vi mostriamo immagini e video delle danze popolari più straordinarie della cultura nicaraguense. Inoltre, indichiamo in quali città e dipartimenti vengono praticati.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

El Güegüense

Questa danza è anche conosciuta come Mouse maschio. È praticato nei dipartimenti di Carazo e Masaya, nella regione del Pacifico, in particolare a Diriamba e Niquinohomo, durante il 20 gennaio e il 26 luglio.



El Güegüense è rappresentato dalla fine del XVII secolo e possiede un coloniale. È una specie di danza teatrale, una commedia che protesta contro la situazione che i meticci avevano nei confronti degli spagnoli.

In questo video possiamo vedere come sono i costumi dei ballerini, così come le caratteristiche della coreografia e della musica:

Maypole

Questa danza è una delle più importanti nel folklore nicaraguense. Si svolge al Mayo Ya o May Pole festival, all'inizio di maggio. Nastri di diversi colori sono legati su un palo di circa 3 metri. I ballerini danzano in cerchio, tessendo i nastri.

È tradizionale dei Caraibi ed è fatto per onorare la dea Mayaya e chiedere nuovi raccolti e fertilità. È stato celebrato dal XNUMX ° secolo e si pensa che sia un adattamento della versione inglese. Ha avuto origine nella città di Bluefields.

Walagallo

Il Walagallo o i galli ballano È una danza della regione atlantica praticata dagli indigeni garifuna. È una sorta di rituale che ha lo scopo di curare una persona malata.

Si pensa che la persona che è malata sia stata posseduta da uno spirito o Dio gli ha mandato quella malattia, e viene praticata quando si tratta di un caso veramente grave.

Le Inditas

Las Inditas è una tradizione di Masaya e viene ballata il 30 settembre, durante i festeggiamenti in onore di San Jerónimo. È origine indigena e in esso vengono ricreate le attività della vita quotidiana.

Viene eseguita da un totale di cinque coppie di ballerini e lo strumento che li accompagna è l'arco marimba. Si pratica anche a Diriamba, Carazo, il 20 gennaio, per le festività di San Sebastián.

I diavoli

Los Diablitos si balla a Masaya l'ultima domenica di novembre in onore di San Jerónimo. Ha la sua origine nel XIX secolo, quando i giovani facevano una serenata alle ragazze di notte.

In questa danza appaiono quindici caratteri, ognuna con un guardaroba colorato. Tutti gli interpreti sono uomini e ognuno di loro esegue movimenti diversi:

  • Il diavolo maggiore (Mefistofele)
  • Il diavolo nero
  • Il diavolo rosso
  • Quirina Death
  • L'orso
  • Il domatore
  • Il Leone
  • Il topo maschio (asino)
  • El Tigre
  • Sei diavoli

Nel caso dei diavoli, indossano una maschera che copre il viso. A Nandaime, Jinotepe e Nagarote ci sono danze con lo stesso nome, ma hanno una storia diversa.

Quelli neri

La danza dei neri viene praticata a Masaya, anche durante i festeggiamenti in onore di San Jerónimo, precisamente ogni domenica di ottobre e novembre. Ha avuto origine nella città di Monimbó.

La storia di questa danza inizia in epoca coloniale, quando le donne indiane ballavano con gli spagnoli. Ciò ha fatto arrabbiare gli indigeni, che hanno creato questa coreografia come protesta contro la colonizzazione.



È rappresentato da un gruppo di otto uomini, quattro vestiti da ragazzi e quattro da ragazze. All'inizio i loro volti erano dipinti di nero, ma in seguito sono passati alle maschere.

Il vecchio e la vecchia

El Viejo y la Vieja viene eseguita a Diriamba, Carazo, ogni 20 gennaio. Percorri un percorso di otto ore che inizia e finisce davanti alla porta della chiesa del paese. I ballerini sono uomini che vogliono pagare una promessa.

Indossano una camicia bianca a maniche lunghe, pantaloni scuri, un cappello di palma e un bastone. Inoltre, altri sono travestiti da vecchia con un copricapo e una gonna colorata. Il vecchio balla lentamente e la vecchia velocemente. Imitano gli spagnoli.

Lo Zompopo

Lo Zompompo è una danza regionale di Altagracia, sull'isola di Ometepe, Rivas. In passato, in questa popolazione c'era una piaga di zompopos, una specie di formiche volanti.

La danza riflette lo sforzo della popolazione per porre fine a questa piaga. I ballerini sono un gruppo di dieci coppie che portano rami di mango e imitano il modo in cui le persone hanno spaventato o ucciso gli zompopos.

https://www.youtube.com/watch?v=m7RdfJAQm_4

La musica che accompagna questo ballo è di origine afro-caraibica. Tradizionalmente, viene ballato tra il 12 e il 18 novembre.

La Gigantona e il Nano dalla testa grossa

La Gigantona y el Enano Cabezón è una danza popolare di León che viene eseguita a dicembre. La Gigantona è una bambola alta che viene mossa da un uomo dall'interno e balla al ritmo dei tamburi.

Il nano dalla testa grossa cita versi su di lui amore non corrisposto tra la donna e un meticcio. Nella coreografia può comparire anche Pepito, un uomo che finge di portarne un altro sulle spalle.

Huaco Bull

El Toro Huaco viene ballato a Diriamba, Carazo, il 20 gennaio, da un gruppo diviso in due parti da otto a dodici persone. Oltre a questi ballerini, c'è il Mandador, il leader del gruppo, e il Toro.

I membri di ogni gruppo stanno su entrambi i lati della strada in fila indiana ordinati per altezza e salto. Al centro rimangono il Toro e il Boss. Indossano tutti maschere di legno tranne il Toro. Inoltre, ogni gruppo ha un capitano.

La Yegüita

La Yegüita è una danza rappresentativa di San Juan de Oriente, Masaya, dove viene eseguita ogni 24 giugno per le festività di San Juan Bautista. I ballerini agiscono come spadaccini o artigli.

Dialogano imitando i bambini e litigano perché la cavalla si è persa. Alla fine del combattimento, l'animale riappare. È una danza che ballano e basta la gente.

Immagine in alto di Il signore delle ali ©.

Questo articolo è stato condiviso 142 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: