Fai un reclamo a Aeroporti di Aena È uno dei diritti di tutti i passeggeri aerei in caso di ritardo, cancellazione o danneggiamento dei bagagli durante o dopo il volo. A seconda del tipo di incidente, il passeggero avrà diritto a un risarcimento sotto forma di compensazione finanziaria o qualsiasi altro tipo di assistenza.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Indice degli articoli

Diritti dei passeggeri aerei: come presentare un reclamo ad Aena

Finalità e ambito di applicazione

Il regolamento sui diritti del passeggero aereo stabilisce i diritti minimi di assistenza che i passeggeri aerei avranno nei casi elencati di seguito:



  • Imbarco negato contro la tua volontà
  • Cancellazione del volo
  • Lunghi ritardi

Si tenga presente che ciò sarà applicabile a quei passeggeri che partono da un aeroporto situato nel territorio di a Stato membro dell'Unione europea (UNIONE EUROPEA).

Colpisce anche coloro che partono da un aeroporto situato in un paese terzo ma diretti verso un altro situato in uno Stato membro, a meno che non godano già dei benefici o dell'indennizzo e dell'assistenza da quel paese terzo. Ciò è stabilito solo nei casi in cui la compagnia aerea che effettua il volo in questione è di origine comunitaria.

Allo stesso modo, non sarà applicabile nei seguenti casi:

  • Passeggeri che viaggiano gratuitamente o con un biglietto a prezzo ridotto che non è direttamente o indirettamente disponibile al pubblico.
  • Passeggeri trasportati da aeromobili motorizzati ad ala fissa.
  • Passeggeri che noleggiano un viaggio combinato e viene annullato per motivi diversi dalla cancellazione del volo.

È compreso da viaggio combinato l'insieme dei servizi offerti a un prezzo globale, ma la cui prestazione supera le 24 ore o include la notte e combina almeno due di questi elementi: trasporto, alloggio e altri servizi turistici che costituiscono una parte importante del viaggio.

Negato imbarco

Secondo le definizioni fornite in Regolamento [CE] 261/2004, è compreso da vettore aereo incaricato di effettuare un volo qualsiasi vettore aereo che effettui o intenda effettuare un "volo in base a un contratto con un passeggero o per conto di un'altra persona, giuridica o fisica, che abbia un contratto con tale passeggero".

Secondo questa definizione, quando un vettore con queste caratteristiche prevede di dover negare un volo, deve:

  1. Chiedi ai passeggeri di presentarsi volontari disposti a rinunciare alle loro prenotazioni in cambio di alcuni vantaggi, alle condizioni concordate dal vettore con il passeggero interessato.
  2. Fornire assistenza ai volontari sotto forma di rimborso o trasporto alternativo.
  3. Negare l'imbarco ai passeggeri contro la loro volontà se il numero di volontari è insufficiente.
  4. Risarcire i passeggeri, nel caso in cui si verifichi il caso 3, sotto forma di risarcimento o sotto forma di rimborso o trasporto alternativo.

Annullamento di voli

In caso di cancellazione del volo, il passeggero ha inoltre diritto ad un risarcimento identico a quello offerto in caso di negato imbarco, salvo il caso in cui:

  • Almeno sei stato informato 14 giorni prima del volo.
  • La modifica del percorso è avvenuta in prossimità dell'orario originariamente previsto.
  • La compagnia aerea può dimostrare che la cancellazione è dovuta a circostanze straordinarie.

Allo stesso modo, dovrebbero essere presi in considerazione i seguenti punti:

  • Il vettore offrirà assistenza sotto forma di A) rimborso del costo del biglietto (dal 50 al 75%) se il volo non ha più motivo di esistere secondo il piano di viaggio del passeggero o B) trasporto alternativo, che può essere volo di ritorno al punto di partenza o guida fino alla destinazione finale in condizioni comparabili e il più rapidamente possibile.
  • Il corriere offrirà anche assistenza sotto forma di ristoro a seconda del periodo di attesa e sistemazione in albergo se è necessario soggiornare una o più notti o se è richiesto un soggiorno aggiuntivo rispetto a quello inizialmente previsto dal passeggero.
  • I passeggeri hanno diritto a un risarcimento di 250 € per voli fino a 1.500 km, 400 € per voli intracomunitari di oltre 1.500 km e voli extra UE di 1.500-3.500 km e 600 € per voli fuori dall'UE.
  • Ogni volta che i passeggeri aerei sono informati di una cancellazione, dovrebbero essere fornite spiegazioni sul possibile trasporto alternativo a loro disposizione.

Tuttavia, i vettori aerei non sono tenuti a pagare un risarcimento se possono dimostrare che la cancellazione è dovuta a circostanze straordinarie ciò non avrebbe potuto essere evitato nemmeno con tutte le misure ragionevoli possibili.

Inoltre, è esclusiva responsabilità della compagnia aerea fornire le informazioni al passeggero circa la cancellazione, nonché la scelta del momento in cui viene comunicata purché rientri nei limiti previsti.



Lunghi ritardi

In ognuna delle tre situazioni menzionate di seguito, i passeggeri devono ricevere assistenza sotto forma, da un lato, di cibo e gli rinfreschi Sufficiente in base al tempo di attesa e, invece, due telefonate, telex, messaggi fax o e-mail:

  • 2 ore o più per voli di 1.500 km o meno
  • 3 ore o più per tutti i voli intracomunitari superiori a 1.500 km e tutti gli altri voli di 1.500-3.500 km
  • 4 ore o più per tutti i voli superiori a 3.500 km al di fuori dell'Unione Europea

La suddetta assistenza verrà offerta sulla base dei limiti temporali stabiliti per ciascuna tratta di distanza. Se il ritardo è più di 5 oreIn qualità di passeggero, hai il diritto di decidere di non proseguire il viaggio, ricevere un rimborso per il tuo biglietto e tornare alla destinazione in cui hai iniziato il viaggio originariamente.

Se arrivi alla tua destinazione finale con un ritardo di 3 ore o più, potresti anche avere diritto a un risarcimento identico a quello che corrisponderebbe in caso di cancellazione. Tuttavia, la società sarà esentata fintanto che potrà dimostrare che il ritardo è dovuto a circostanze eccezionali al di fuori del suo controllo.

Persone con bisogni speciali

I passeggeri con disabilità o le persone a mobilità ridotta hanno diritto, ai sensi del diritto dell'UE, all'assistenza negli aeroporti. Allo stesso modo, sono protetti contro qualsiasi tipo di discriminazione durante la prenotazione o l'imbarco.

Per questo motivo, i vettori aerei incaricati di effettuare il volo devono dare la priorità a queste persone e ai loro accompagnatori o cani da compagnia certificati, nonché bambini che viaggiano da soli.

In caso di negato imbarco, cancellazione o ritardi di qualsiasi durata, alle persone a mobilità ridotta e ai bambini che viaggiano da soli saranno forniti:

  • Cibi e bevande
  • Alloggio
  • Trasporto dall'aeroporto al luogo di sistemazione
  • Accesso a telefonate, telex, fax o e-mail

Questa assistenza si applica alla partenza, all'arrivo e al transito da e verso la destinazione finale. Per facilitare la ricezione di tale assistenza, si consiglia di avvisare in anticipo la compagnia aerea sulle esigenze speciali di ciascuna.

Incidenti con i bagagli

Le compagnie aeree sono responsabili per eventuali danni causati ai bagagli in caso di distruzione, perdita, deterioramento o ritardo nella consegna lo stesso se il danno è avvenuto a bordo dell'aereo o mentre il bagaglio era in custodia della compagnia aerea. Pertanto, questo diritto non si applicherà al bagaglio a mano.

D'altra parte, come passeggero devi tenere presente che le compagnie aeree non saranno responsabili per eventuali danni causati ai bagagli o derivati ​​da un ritardo nella consegna degli stessi se tutte le misure a loro disposizione sono state adottate per evitare tali danni, se è stato impossibile adottare tali misure o se è dovuto alla natura del bagaglio o ad un suo difetto.

In questi casi il passeggero deve recarsi immediatamente allo sportello della compagnia aerea o della sua compagnia di assistenza a terra (agente manipolazione) di presentare contestualmente il corrispondente reclamo compilando il modulo noto come Rapporto sull'irregolarità del bagaglio (PIR). I passeggeri hanno le seguenti scadenze per presentare le loro richieste:

  • Guasto: subito dopo aver notato il deterioramento o, al massimo, entro un termine di 7 giorni dalla data di ricevimento.
  • ritardo: al più tardi entro 21 giorni dalla consegna del bagaglio al passeggero.

Tutti i reclami devono essere presentati per iscritto indipendentemente dal completamento del PIR.Se una risposta non viene ricevuta dalla compagnia aerea o non è soddisfacente, c'è la possibilità di andare in tribunale entro un periodo massimo di 2 anni dall'arrivo dell'aeromobile alla terra. In caso di furto o furto di qualsiasi bagaglio, si consiglia di sporgere denuncia presso la più vicina stazione di polizia il prima possibile.

Questo articolo è stato condiviso 77 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: