La documentazione richiesta per viaggiare in Italia varia a seconda di ciascuna nazionalità. Le differenze principali sono tra i cittadini dell'Unione europea, quelli dei paesi con un accordo come l'Argentina e quelli senza alcun accordo, come nel caso della Bolivia. Devi anche prendere in considerazione altri requisiti, oltre a conoscere alcuni suggerimenti per visitare il paese.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Documentazione richiesta

Le persone provenienti da un paese che fa parte dell'Unione Europea, come la Spagna, possono viaggiare in Italia senza visto. Devono solo presentare un documento che identifichi la persona e informi sulla sua nazionalità, cioè il Identità nazionale (DNI) o passaporto.



Cittadini di stati che pur non appartenenti all'Unione Europea necessitano anche solo di un documento di identità. Area Schengen. Questi paesi sono Islanda, Liechtenstein, Norvegia e la Svizzera.

Allo stesso modo puoi recarti in Italia con il passaporto se sei straniero residente in un paese della Area Schengen e hai un NIE o numero di identità straniero. Se vuoi saperne di più sugli stati membri di questo trattato, ti consigliamo di visitare il seguente articolo: Lo spazio Schengen e gli Stati membri dell'Unione europea.

C'è anche una lunga lista di altri paesi che, se il soggiorno è inferiore a 90 giorni, necessitano passaporto ma non visto. Sono i seguenti paesi:

  • A: Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina e Australia
  • B: Bahamas, Barbados, Brasile e Brunei
  • C: Canada, Cile, Città del Vaticano, Corea del Sud, Colombia, Costa Rica e Croazia
  • E: El Salvador e Stati Uniti
  • G: Guatemala
  • H: Honduras
  • I: Israele
  • J: Giappone
  • M: Macedonia, Malesia, Mauritius, Messico, Monaco e Montenegro
  • N: NZ
  • D: Panama, Paraguay e Perù
  • S: Saint Kitts e Nevis, San Marino, Serbia, Seychelles e Singapore
  • U: Uruguay
  • V: Venezuela

Il passaporto che presentano deve essere valido per almeno tre mesi al momento in cui entrano nel paese e nel caso di Macedonia, Montenegro e Serbia deve essere un passaporto biometrico.

Una volta in Italia, le autorità chiedono ai membri di questi paesi la documentazione che giustifichi il motivo del loro viaggio e la durata del viaggio, mostrando la prenotazione del volo di ritorno e la prenotazione dell'hotel o la Lettera di invito.

Un Lettera d'invito Si tratta di un verbale con il quale un cittadino italiano conferma che rimarrai nel luogo in cui vive, sia che si tratti di una casa di sua proprietà che di quella in affitto.

Nonostante i terremoti in Italia nel 2016, la documentazione e i requisiti necessari per recarsi nel Paese non sono cambiati, poiché i servizi e le infrastrutture sono stati ripristinati in pochi giorni.

Visa

Come abbiamo spiegato, i membri dell'Unione Europea hanno solo bisogno di un documento di identità per viaggiare in Italia, mentre gli altri paesi sono tenuti a presentare un passaporto ma non un visto.

Visto turistico

Il resto dei paesi che non abbiamo nominato in precedenza ne ha bisogno Visa, e tra loro ci sono Bolivia, Ecuador, Cuba e Repubblica Dominicana. In questi casi la documentazione necessaria per il visto turistico è:

  • Domanda di visto. Nel questo link puoi trovare il modulo per il visto
  • Fotografia recente formato tessera
  • Passaporto con una validità minima di tre mesi alla data di partenza
  • Biglietto di andata e ritorno per il paese di origine
  • Qualche prova che il richiedente ha la solvibilità finanziaria, cioè i mezzi di sussistenza necessari per coprire il suo soggiorno
  • Documentazione indicante lo stato sociale e professionale del richiedente
  • Assicurazione medica che copre un minimo di 30.000 € per le spese di ricovero d'urgenza e rimpatrio, valida in tutta l'area Schengen
  • Dimostrare che l'alloggio è disponibile per la durata del soggiorno (ad es. Prenotazione di un hotel)

Questo visto turistico consente al titolare di rimanere in Italia per 90 giorni e il suo prezzo è 60€. Se vogliamo restare nel paese più a lungo, possiamo richiedere altri tipi di visto.

Visto per studenti

Con il visto per studenti puoi rimanere per un massimo di un anno, anche se ha la possibilità di rinnovo. I requisiti per poterlo richiedere sono i seguenti:

  • Documentazione del corso, formazione professionale o attività culturale da svolgere
  • Dimostra di avere mezzi finanziari sufficienti
  • Copertura sanitaria nel caso in cui lo studente straniero non abbia diritto all'assistenza sanitaria in Italia
  • Essere più vecchi degli anni 14
  • In caso di attività sanitaria da svolgere, riconoscimento del titolo di abilitazione all'esercizio professionale da parte del Ministero della Salute italiano

Visto per ricongiungimento familiare

Un altro tipo di visto è quello del ricongiungimento o ricongiungimento familiare. Questa si divide in due tipologie: da una parte quella concessa al ricongiungimento con i parenti, e dall'altra, con la quale si può entrare in Italia seguiti dalla famiglia.

In quest'ultimo caso, i familiari beneficiano dell'accesso ai servizi sanitari, dell'iscrizione a corsi o formazione professionale, dell'iscrizione a liste di lavoro.



Menu soggiorno

La lettera di soggiorno o permesso di residenza è un altro metodo per restare in Italia per più di 90 giorni. Deve essere richiesto durante i primi otto giorni di permanenza nel Paese e presentare i seguenti documenti:

  • Modulo di domanda
  • Passaporto e, se necessario, visto
  • Quattro foto recenti in formato tessera
  • Una marca da bollo elettronica del valore di 14,62 euro
  • La documentazione necessaria per il tipo di permesso di soggiorno richiesto
  • Un pagamento che può variare da 80 € a 200 €

Non esiste il visto di matrimonio, poiché se una persona sposa un italiano acquisisce anche la cittadinanza italiana.

Altri documenti

Oltre alla documentazione necessaria che abbiamo già spiegato, ci sono altre situazioni in cui deve essere presentata altra documentazione se si vuole viaggiare in Italia.

l'assistenza sanitaria

Se sei cittadino di un Paese membro dell'Unione Europea, è meglio richiedere il Tessera sanitaria europea (TSE) prima del viaggio. In questo modo avrai libero e libero accesso ai servizi sanitari pubblici in Italia. Se vieni dalla Spagna, puoi richiederlo tramite questo link.

Se provieni da un paese extra UE, dovrai pagare la tariffa corrispondente per ogni prestazione sanitaria di cui hai bisogno. Per questo motivo, si consiglia vivamente di stipulare un'assicurazione medica di viaggio.

vaccinazione

Al momento non è prevista la vaccinazione obbligatoria per viaggiare in Italia. Nonostante ciò, si consiglia di immunizzarsi contro le seguenti malattie:

  • morbillo
  • parotite
  • rosolia
  • Tetano-difterite

Inoltre, se viaggi in inverno, è consigliabile vaccinarsi contro l'influenza, a causa dell'aumento di questa malattia nei mesi più freddi.

Viaggia con i bambini

Nel caso di minori, i bambini che viaggiano accompagnati dai genitori necessitano della stessa documentazione di un adulto per entrare nel Paese. Non possono comparire nella documentazione dei loro genitori, ma dovranno averli il suo stesso, ad eccezione delle persone provenienti da Danimarca, Regno Unito e Irlanda.

È pienamente consentito viaggiare in Italia con un bambino. L'unica cosa che dovresti tenere in considerazione, oltre alla documentazione già indicata, sono le sue particolari esigenze.

Se invece i minori non viaggiano con nessuno dei genitori, devono avere il Passaporto o portare con sé un DNI autorización dei genitori formalizzato davanti alle autorità del paese di origine. È una situazione che si verifica frequentemente nei viaggi di fine anno.

Viaggia con animali domestici

Allo stesso modo, se vuoi entrare in Italia con il tuo cane o animale domestico e provieni da un paese dell'Unione Europea, devi portare il Passaporto per animali domestici.

Inoltre, gli animali dei seguenti paesi necessitano di un certificato in cui è registrata la validità di un vaccino antirabbico:

  • Andorra
  • Città del Vaticano
  • Islanda
  • Liechtenstein
  • Monaco
  • Norvegia
  • San Marino
  • Svizzera

D'altra parte, è necessario un certificato veterinario che confermi la buona salute dell'animale, un certificato di vaccinazione antirabbica e un microchip o un tatuaggio chiaramente leggibile se provieni da uno di questi paesi:

  • A: Ascension, Antigua e Barbuda, Antille olandesi, Australia e Aruba
  • B: Barbados, Bahrain e Bermuda
  • C: Canada e Croazia
  • E: Stati Uniti
  • I: Isole Fiji, Isole Falkland (Malvinas) e Isole Cayman
  • J: Giamaica e Giappone
  • M: Mayotte, Montserrat e Mauritius
  • N: Nuovo calcedonio e NZ
  • D: Polinesia francese
  • S: Singapore, St. Helena, St. Kitts e Nevis, St.Pierre e Miquelon e St. Vincent e Grenadine
  • V: Vanuatu
  • W: Wallis e Futuna

Infine, se il Paese di origine dell'animale non è uno di quelli sopra indicati, deve essere sottoposto ad un test di identificazione degli anticorpi antirabbici in un laboratorio certificato, con un minimo di 30 giorni e un massimo di tre mesi prima del viaggio (per quindi gli animali sotto i tre mesi non potranno viaggiare in Italia).

Questo articolo è stato condiviso 646 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: