Secondo la tua attività, quando diciamo volcán activo ci riferiamo a un vulcano in eruzione o che è in grado di entrare in una fase di attività ininterrotta in qualsiasi momento. Attualmente, sebbene si stima che siano quasi 2.000 sulla Terra, sono pochi i vulcani di queste caratteristiche che registrano periodi di attività continua.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Kilauea

Il Kilauea (Hawaii) è considerato il vulcano con il più alto livello di attività dell'intera isola di Hawaii, pur essendo uno dei più attivi sulla Terra. In hawaiano, il significato approssimativo della parola kilauea es sputare, a causa delle sue forti colate laviche.



Anche se si stima che sia venuto alla superficie dell'acqua circa 100.000 anni , tutto indica che potrebbe avere un'età compresa tra 300.000 e 600.000 anni.

L'ultimo periodo di attività eruttiva è iniziato nel 1983 ed è durato fino all'inizio del 2011, essendo questo l'intervallo più lungo nella storia eruttiva di questo vulcano. Il video seguente mostra uno spettacolare time-lapse del vulcano Kilauea:

https://www.youtube.com/watch?v=H9-EtEDGrds

Piton de la Fournaise

Insieme a Kilauea, questo vulcano sull'isola di La Reunion (Oceano Indiano) è un altro dei vulcani più attivi al mondo.

Situato nel Parco nazionale della Reunion (Parco nazionale della Riunione in inglese), costituisce una delle maggiori attrazioni turistiche dell'isola. Ecco un video che mostra un'eruzione del vulcano Piton de la Fournaise:

Dal 2006 sono stati registrati periodi di attività continuativa nel 2007, 2008 e 2010; la sua ultima eruzione è iniziata nel giugno 2014. Le lunghe colate laviche che questo vulcano emette raggiungono solitamente il mare.

Etna

Il vulcano Etna, situato sulla costa orientale della Sicilia (Italia), chiamato anche EtnaCon i suoi 3,329 m di altezza, è considerato il vulcano attivo più alto d'Europa.

Nel giugno 2013 l'UNESCO ha conferito il titolo di Patrimonio ed è stato anche incluso nei 16 Vulcani del Decennio dalle Nazioni Unite. Nel seguente video potete vedere le immagini dell'eruzione avvenuta nel 2014:

La storia eruttiva dell'Etna risale a 500.000 anni fa e oggi rimane dormiente. Inoltre, costituisce una delle principali fonti di ricerca nella scienza della vulcanologia, geofisica e altre materie legate al campo delle Scienze della Terra.

Non è considerato un vulcano particolarmente pericoloso e, infatti, migliaia di persone vivono nelle vicinanze. Inoltre, il suolo vulcanico rende il terreno di questa zona molto fertile agricoltura estensiva, quindi si possono trovare numerosi vigneti e frutteti lungo le pendici della montagna.

Monte Sant'Elena

Mount Santa Helena (in inglese, Mount St. Helens) è il nome dato allo stratovulcano trovato nella contea di Skamania, nello stato di Washington. Lo chiamavano gli indigeni della tribù Klickitat Louwala-Clough, che significava qualcosa di simile Montagna di fuoco.

Sebbene sia ancora attivo fino ad oggi e la sua ultima eruzione sia avvenuta il 10 luglio 2008, è meglio conosciuta per la catastrofica eruzione avvenuta nel maggio 1980, una delle più mortali nella storia degli Stati Uniti.

Data la sua appartenenza al Cascada Range, il vulcano ha le stesse caratteristiche degli altri vulcani della zona: la sua formazione è a grande cono di macerie i cui componenti principali sono: pietra lavica, pietra pomice, strati di basalto, andesite e cenere vulcanica.

Cintura vulcanica delle Ande

La cintura vulcanica delle Ande comprende un'intera provincia vulcanica all'interno della regione chiamata Pacific Ring of Fire, che viene discusso di seguito. Si trova nella catena montuosa delle Ande e copre Perù, Bolivia, Cile, Argentina, Colombia ed Ecuador.

È diviso in quattro zone: la zona vulcanica nord (ZVN), la zona vulcanica centrale (ZVC), la zona vulcanica sud (ZVS) e la zona vulcanica meridionale (ZVA). Le sezioni seguenti mostrano quali sono i vulcani attivi più importanti della fascia vulcanica andina.

Llaima

Il vulcano Llaima si trova nella regione di La Araucanía, in Cile. Appartiene alla zona vulcanica meridionale (ZVS) della cintura vulcanica andina. È un stratovulcano la cui altitudine supera i 3.000 m.

Poiché si trova a soli 72 km da Temuco, la cima del vulcano può essere vista da qualsiasi punto della città. L'etimologia del termine Chiamami proviene dalla lingua e dai mezzi Mapuche fosso o scolare in relazione alla fessura apparsa in prossimità del cratere dopo l'eruzione del 1873.

Come molti altri vulcani, fa parte di un parco nazionale, in questo caso il Parco Nazionale Conguillío, di cui spiccano le sue foreste di araucaria.

Il paesaggio risultante rende questo parco nazionale un'importante destinazione turistica in Cile. Inoltre, ha il centro sciistico Gli Araucarias.

Tra il 2008 e il 2009 si è verificata un'attività vulcanica incessante dopo la prima eruzione del 1 gennaio 2008, dopo di che sono stati evacuati fino a 140 turisti e diversi funzionari del Parco Nazionale Conguillío.

Le fumarole sono state viste fino a 250 km di distanza e le ceneri hanno raggiunto la provincia di Neuquén, in Argentina. Nel 2009 l'eruzione è molto più calma, ma ancora instabile.

Villarrica

Il vulcano Villarrica si trova a Cile, in particolare nella zona delle Ande meridionali, tra le province di Cautín e Valdivia.

Questo stratovulcano è considerato uno dei più vulcanicamente attivi di tutto il Sud America. Con un'altitudine che supera i 2.450 m, la sua forma conica è uno dei più perfetti tra tutti i vulcani del mondo.



Quando non è in un periodo di attività, il vulcano è ricoperto da un ghiacciaio, quindi la vista dalla sua cima è sempre bianca.

Inoltre, l'area del vulcano e dei suoi dintorni costituiscono l'area protetta denominata Parco Nazionale di Villarrica. L'ultima eruzione è stata registrata nel marzo 2015 e ha richiesto l'evacuazione di quasi 4.000 persone colpite dalle città circostanti.

Calbuco

Questo stratovulcano attivo si trova a sud-est del lago Llanquihue, nella regione di Los Lagos, nel sud del Cile. Il vulcano nel suo insieme è una composizione a base di andesite. Entra a far parte del Riserva nazionale di Llanquihue.

Dopo 43 anni di inattività da quando l'attività vulcanica è stata registrata nel 1972, nell'aprile 2015 il vulcano è tornato attivo. Il video seguente mostra un time-lapse dell'ultima eruzione di questo vulcano:

Arco vulcanico centroamericano

L'arco vulcanico centroamericano comprende una catena di vulcani che si estende dalla costa del Pacifico alla regione di confine tra Costa Rica e Panama meridionale, passando per El Salvador, Honduras e Nicaragua. In totale l'arco vulcanico ha un'estensione di 1500 km.

Quezaltepeque o vulcano di San Salvador

Attualmente, si stima che ci siano fino a ventitré vulcani in El Salvador, anche se solo pochi sono considerati attivi. La catena montuosa vulcanica del paese si trova all'interno del cosiddetto arco vulcanico centroamericano, la cui estensione raggiunge i 1.500 km. I principali sono elencati di seguito.

Questo vulcano include due picchi, chiamati Il Picacho y Il cinghiale. Viene anche chiamato il suo cratere Il Boquerón, il cui diametro raggiunge i 1.500 m e si trova a 1.800 m di altezza; La sua area interna è considerata un Parco Nazionale ed è conosciuta come Parco Nazionale El Boquerón.

Vulcano Ilamatepec o Santa Ana

Il vulcano di Santa Ana si trova nel dipartimento di Santa Ana (El Salvador) e fa parte della catena montuosa Apaneca, all'interno di una foresta tropicale di nuvole montuose. Con i suoi 2.381 metri sul livello del mare, è il vulcano più alto del paese.

Le ultime eruzioni hanno avuto luogo nel 1920, 1904 e 2005. Il Eruzione del 2005 È stato prodotto dopo una grande esplosione in cui il vulcano ha espulso cenere e rocce. Nel seguente video puoi vedere come sono il vulcano di Santa Ana e i suoi dintorni:

Chinchontepec o vulcano San Vicente

Situato a più di sessanta chilometri da San Salvador, questo vulcano è particolarmente noto perché alla sua base ha sorgenti termali riconosciute come il piccolo inferno.

Vulcano Chaparrastique o San Miguel

Situato nel comune di San Miguel, questo vulcano ha registrato la sua prima attività nell'anno 1510 e l'ultima nel gennaio 2002. Tra i numerosi vulcani del paese, il suo cono è considerato il meglio formato di tutti. I suoi ultimi due periodi significativi di attività sono stati il ​​2013 e il febbraio 2014.

Pacific Ring of Fire

Questo gruppo vulcanico, situato sulla penisola di Kamchatka nella parte asiatica di Russia, forma il cosiddetto Pacific Ring of Fire. Dal 1996, questo gruppo di vulcani è stato considerato patrimonio mondiale dell'UNESCO. I principali vulcani di questa regione sono elencati nelle sezioni seguenti.

Shiveluch

Chiamato anche Sheveluch o Sopka Shiveluch, si trova nel nord della Kamchatka. Questo vulcano ha una fessura che supera i trenta metri e la sua ultima eruzione è avvenuta nell'agosto 2011.

Karymsky

Considerato il più attivo nella Kamchatka orientale, è uno stratovulcano simmetrico costruito all'interno di una caldera larga 5 km.

Bezymianny

È anche chiamato Monte Bezymianny. Fu considerato estinto fino al 1955, quando si registrò la sua più grande eruzione, che durò fino al 1956, disintegrandosi a 200 m dalla vetta.

Isola di El Hierro

L'isola di El Hierro, nelle Isole Canarie (Spagna), è diventata il centro dell'attenzione nel 2011, a causa dell'eruzione vulcanica iniziata nel suo vulcano sottomarino attivo, che ha causato una serie di terremoti ed espulso materiale magmatico. È uno dei pochi vulcani attivi in ​​Spagna.

Il terremoto più intenso si è registrato nell'ottobre dello stesso anno. La persistenza di un processo di degasaggio provoca il continuo deterioramento dell'ecosistema sottomarino. Il video seguente spiega come è avvenuta l'eruzione del vulcano sottomarino nel 2011 e quali conseguenze ha portato:

Barcena

Il vulcano Bárcena è uno dei dieci vulcani attivi di Messico al giorno d'oggi. Situata nell'arcipelago di Revillagigedo (350 km a sud della Baja California Sur), l'ultima eruzione di questo vulcano messicano è avvenuta tra il 1952 e il 1953.

Il vulcano Bárcena è la principale attrazione turistica del Isola di San Benedicto, dove si possono trovare diverse cupole di lava nell'estremo nord, mentre la Bárcena si trova nell'estremo sud dell'isola.

L'ultima eruzione iniziò alle 7:45 del 1 agosto 1952 con l'emissione improvvisa di una fumarola bianca che, pochi minuti dopo, divenne grigio scuro quasi nera. È così che il vulcano ha iniziato a espellere bombe vulcaniche in un'eruzione descritta da molti come violenta.

Sakurajima

Il vulcano Sakurajima si trova a Giappone, in particolare sull'isola di Kyūshū (prefettura di Kagoshima). Prima della grande eruzione del 1914, questo vulcano era un'isola, ma l'enorme quantità di lava espulsa questa volta si solidificò, facendolo unire alla penisola di Ōsumi.

Dal 1955, Sakurajima continua ad essere uno dei vulcani più attivi sulla Terra oggi. In effetti, il file grande quantità di magma che attualmente si accumula al suo interno fa sospettare che una nuova eruzione arriverà tra circa 25 anni, secondo un team di ricercatori di diverse università internazionali.

Il vulcano forma una montagna che è divisa in tre picchi: il Pico del Norte, il Pico Central e il Pico del Sur. È quest'ultima attualmente attiva, anche se la più alta è al Nord, con un'altezza di 1.117 m sul livello del mare.

Nonostante sia considerata un'area pericolosa, la Sakurajima, situata all'interno del Parco nazionale Kirishima-YakuÈ una delle zone più turistiche della zona. Lì puoi trovare tutti i tipi di risorse: dalle sorgenti termali all'idroterapia.

Questo articolo è stato condiviso 771 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: