I paesi più poveri del mondo sono attualmente distribuiti su 3 continenti: America, Africa e Asia. La povertà nei paesi sottosviluppati raggiunge livelli superiori a quelli di quelli più sviluppati, ma questo non significa che non ci sia disuguaglianza in ciascuno dei 5 continenti, come vedremo più avanti.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Indice degli articoli

Paesi più poveri del mondo per continenti

Africa

Diversi autori, ONG e associazioni internazionali concordano sul fatto che la povertà in Africa continua ad essere la più grave del nostro pianeta. Le aree più colpite di questo continente, considerate in una situazione di estrema povertà, sono:



  • Niger
  • Etiopia
  • Mali
  • Burkina Faso
  • Burundi

Nonostante i suoi alti livelli di povertà, l'Africa è probabilmente il continente più ricco in termini di flora e fauna, diversità culturale e storia. Sfortunatamente, si stima che più di 300 milioni di persone convivano con meno di $ 1 al giorno.

Le principali cause che portano a problemi subiti dall'Africa nel XXI secolo sono, tra gli altri:

  • salute: AIDS e malaria sono le malattie con il più alto tasso di contagio tra i paesi africani più poveri. Ciò significa che l'attuale aspettativa di vita è di 49,5 anni.
  • colonialismo: il saccheggio delle grandi potenze europee durante i secoli XIX-XX è una delle cause della povertà che vive oggi il continente. Durante questo periodo hanno preso gran parte delle sue risorse naturali (petrolio, gas, minerali ...).
  • guerre: le guerre civili interne che si stanno vivendo nel continente hanno fatto precipitare diversi paesi in una situazione di assoluta povertà. Un esempio di ciò è la guerra in Sud Sudan.
  • Educazione: l'educazione dei più piccoli, oltre a una corretta educazione sessuale per la coppia, riduce i livelli di povertà in un Paese, oltre alla mortalità infantile.
  • Carestia: la fame nel Terzo Mondo continua a colpire soprattutto i Paesi dell'Africa, dove migliaia di bambini sotto i 5 anni muoiono letteralmente di fame anno dopo anno.

La scarsità d'acqua, l'inaccessibilità dell'acqua pulita e la siccità sono anche cause dirette della fame e della povertà in Africa. La siccità è un problema particolarmente grave, in quanto provoca carestia e malnutrizione.

America

La più alta percentuale di povertà nel continente americano si trova in America Latina. La Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi (ECLAC) stima dal 2014 che la povertà latinoamericana si estende al 28% dei paesi che compongono questo subcontinente.

Ci sono diversi paesi dell'America Latina che sono inclusi nell'elenco dei più disuguali, secondo i dati pubblicati dalla Banca Mondiale:

  • Honduras: Il 64,5% della popolazione è in povertà e il 42% in estrema povertà. Si stima che i bambini accedano in media solo a 4 anni di istruzione di base.
  • Brasile: si colloca all'ottavo posto a livello mondiale e al terzo in America Latina. La disuguaglianza è maggiore se si tiene conto della percentuale di ricchezza non dichiarata, con il 13,4% di evasione fiscale.
  • Colombia: La Colombia è il paese più diseguale in termini di salute, stipendio medio e istruzione, secondo l'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite (ONU).
  • Guatemala: la situazione più difficile si verifica nelle zone rurali, dove 8 abitanti su 10 sono poveri. Il tasso di disuguaglianza è vicino al 55%.

Il divario tra Stati Uniti e Canada rispetto al resto dei paesi latinoamericani è molto ampio. In effetti, i dati attuali mostrano che gli Stati Uniti e l'Unione europea (UE) rappresentano quasi il 60% della ricchezza mondiale.

La grande differenza tra i paesi poveri e quelli ricchi, cioè gli Stati Uniti e il resto dei paesi latinoamericani, risale al tempo dell'indipendenza, momento in cui, secondo vari autori, non venivano rispettati gli stessi diritti per alcuni come per altri. , compresa quella di proprietà privata.

Europa

Gli ultimi dati dell'Ufficio statistico europeo (Eurostat) indicano che i paesi europei più colpiti dalla povertà sono quelli del sud e dell'est del continente, paesi in cui si ritiene che povertà ed esclusione sociale vadano di pari passo.

Secondo la rivista Forbes, quelli elencati di seguito sono i file 10 paesi più ricchi del mondo, ordinato dal più alto al più basso in base a PIL, reddito pro capite, livello di industrializzazione, aspettativa e standard di vita e alfabetizzazione:

  1. Norvegia
  2. Australia
  3. Svizzera
  4. Paesi Bassi
  5. Stati Uniti
  6. Germania
  7. NZ
  8. Canada
  9. Singapore
  10. Danimarca

Come possiamo vedere, la metà dei paesi sviluppati del mondo si trova in Europa. Dei cinque paesi più ricchi, due si trovano nel Nord Europa e tre nell'Europa centrale. Sono cifre che rivelano chiaramente il divario economico tra il sud e il nord del continente.

Per quanto riguarda Spagna, l'ultima Indagine sulle condizioni di vita (LCA) rivela che, negli ultimi anni, i tassi di rischio di povertà ed esclusione sociale sono rimasti stagnanti, interessando quasi il 30% della popolazione, cioè più di 13 milioni di persone.



La Regione balcanica È la più colpita dalla povertà e dalla povertà estrema nel continente europeo. Moldova, Armenia, Ucraina, Georgia e Bosnia sono i cinque paesi più poveri d'Europa, con un PIL pro capite che non supera i 9.800 dollari in nessuno di essi.

La Banca centrale europea (BCE) stima che stia aumentando il divario tra i paesi del Nord Europa e quelli dell'Est e del Sud, gap che potrebbe portare a numerosi conflitti in futuro.

Asia

Afghanistan, Nepal, Cambogia e Myanmar (Birmania) sono i paesi più poveri del continente asiatico, dove il PIL pro capite è pari o inferiore a 1.045 dollari. Se l'Africa non ospitasse i paesi più poveri, Afghanistan si collocherebbe al primo posto nella lista dei più poveri del mondo.

Le principali cause di povertà in Asia sono:

  • Guerre civili
  • Islamismo radicale
  • Economia agraria
  • Dittatura e mancanza di libertà
  • Corruzione politica

In breve, l'Asia è un continente di grandi contrasti, dove si possono trovare contemporaneamente i tassi più alti e più bassi di fertilità, mortalità, migrazione, ecc. C'è anche una grande disparità sia economica che sociale.

I due esempi più evidenti di questo contrasto sono l'India e la Cina, due paesi che insieme rappresentano il 50% della popolazione mondiale totale che riesce a vivere con meno di 1 dollaro al giorno. La malnutrizione è la principale causa di mortalità in Asia.

In India Secondo un recente rapporto pubblicato dall'ONU, è una delle percentuali più alte al mondo di popolazione che vive in condizioni di estrema povertà. Solo nel 2012, l'India ha registrato il più alto tasso di mortalità infantile al mondo.

Oceania

Nonostante l'Oceania sia un continente in cui la povertà e la popolazione indigente sono aumentate negli ultimi decenni, Australia y NZ occupano rispettivamente le posizioni numero 2 e 7 nell'elenco dei paesi più sviluppati del mondo.

Questo perché il più alto tasso di povertà è quasi interamente concentrato in Timor Est o Timor Leste. Sebbene qui si possano trovare alcuni dei paesaggi più impressionanti del pianeta, la verità è che c'è un alto tasso di povertà assoluta.

Altri paesi dell'Oceania in povertà, tenendo conto del reddito medio pro capite sono:

  • Micronesia
  • Papua Nuova Guinea
  • Isole Salomone
  • Fiyi
  • Vanuatu

Timor Est è un paese segnato soprattutto dal povertà infantile, in gran parte a causa della recente guerra di indipendenza vissuta nel paese, dove migliaia di bambini sono stati reclutati come soldati fino al 2002. Altre cause allarmanti sono la prostituzione, la violenza e la malnutrizione.

L'Australia, nonostante sia il secondo paese più sviluppato al mondo, ha visto aumentare il tasso di indigenza negli ultimi anni. Gran parte di queste persone indigenti sono di origine straniera.

Questo articolo è stato condiviso 315 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: