Le ricette italiane riflettono la diversità regionale e la cultura gastronomica dell'Italia, nonché la sua lunga storia. Gli ingredienti utilizzati sono inclusi nella popolare dieta mediterranea, che rende i piatti italiani imitati in tutto il mondo, principalmente per i loro sapori unici.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

antipasto

Il termine antipasto, il cui plurale è antipasti, significa letteralmente prima del piatto principale (ante mezzi Previo y pasto è uguale a cibo).



Pertanto, come indica il nome, il antipasti sono ciò che in Spagna è conosciuto in arrivo, cioè i piatti che precedono il primo e il secondo. Questo tipo di cibo viene solitamente servito freddo, anche se ce ne sono anche di caldi.

Questa usanza si spiega attraverso la storia del cibo italiano: risale al periodo del Rinascimento italiano (XIV secolo) e il suo obiettivo era (ed è tuttora) quello di stuzzicare l'appetito dei commensali ai grandi banchetti con piatti che potrebbero essere sia salato che dolce. Qui ti mostriamo il principale antipasti.

panzerotti

Questo aperitivo, che è anche conosciuto con il nome di panzerotto, è originario della regione Puglia, situata nell'Italia meridionale. Si tratta di un impasto a base di farina di frumento mista a lievito di birra e grasso di maiale.

È simile agli gnocchi così popolari tra tapas spagnole, poiché questo impasto è farcito con salsa di pomodoro naturale e mozzarella. L'impasto viene sigillato e poi fritto con grasso di maiale. La consistenza finale è croccante.

Insalata caprese

È una delle tipiche insalate italiane ed è anche conosciuta semplicemente con il nome capresePoiché proviene dalla regione di Capri, contiene i seguenti ingredienti di base: fette di pomodoro e palline di mozzarella fresca. È sempre accompagnato da foglie di basilico fresco, in particolare la varietà a foglia larga, e olio d'oliva.

Ci sono anche varianti che aggiungono pepe nero macinato e olive nere o anche formaggio grattugiato oltre alle palline di mozzarella. Questo piatto si distingue soprattutto perché i colori dei suoi ingredienti ricordano i colori della bandiera italiana: rosso, bianco e verde.

Carpaccio

Il carpaccio è un antipasto molto versatile nel senso che può essere realizzato con diversi ingredienti, sia di carne che di pesce. È un altro tipico cibo italiano famoso a livello internazionale.

La regola base per fare un carpaccio è tagliare la carne o il pesce a fettine sottili e accompagnarlo con altri ingredienti come formaggio, cipolla a fette, foglie di basilico e olio d'oliva. Quando si utilizza la carne, la più utilizzata è il vitello; Quando parliamo di pesce, invece, il salmone è molto ricorrente.

Arancini

In singolare ariancino, questo aperitivo è originale della regione Sicilia, nello specifico della città di Messina, dove sono conosciuti con il nome di arancino o Arancina.

Sono una specie di crocchette di forma sferica a base di pasta di riso e Parmigiano o Pecorino e uova. Sono fritti in olio d'oliva molto caldo, anche se possono anche essere cotti al forno. Il ripieno può contenere vari ingredienti, ovvero: salsa di pomodoro, piselli, prosciutto cotto, mozzarella ...

Il suo colore è leggermente aranciato perché per la sua preparazione viene utilizzato lo zafferano. Esiste una variante a Catania chiamata arancini alla norma o alla catanese, il cui ingrediente principale è la melanzana. A Bronte incontrano i pistacchi.

Vitello Tonnato

Questo piatto è originale della regione di Piemonte, dove viene dato il nome di tonnellata di vitello in piemontese. È anche popolare nelle aree dell'Argentina, dell'Uruguay e di altri paesi in cui convivono comunità italiane.

Si compone di filetti di manzo che vengono serviti con una salsa a base di tuorli d'uovo sodo, tonno e panna, oltre ad acciughe. Spesso vengono aggiunti anche i capperi, ma questo ingrediente è facoltativo. Di solito viene consumato freddo e come antipasto o antipasto.

Bresaola

Questo antipasto o in arrivo è costituito da fette di manzo curato (due o tre mesi), che è noto come carne essiccata o carne disidratata. Una volta stagionato, il vitello diventa viola.

Questo piatto è originale della regione Lombardia, in particolare della Valtellina, situata nel nord Italia. Viene condito con olio d'oliva e succo di limone.

Prosciutto

Il termine prosciutto significa letteralmente prosciutto E questo piatto non è altro che le classiche fette di prosciutto che tradizionalmente vengono servite anche in Spagna come tapas o antipasti. Si caratterizza per essere tagliato a fette molto sottili, quasi trasparenti.

Viene servito senza cottura, tanto che in Italia è conosciuto come prosciutto crudo; quando invece viene servito cotto riceve il nome di prosciutto cotto. I pezzi di prosciutto più pregiati e considerati un lusso gastronomico sono quelli dell'Italia settentrionale e centrale, in particolare di Parma, San Daniele e Friuli-Venezia Giulia.

salame

Questo salsiccia, che attualmente è molto popolare in altri paesi come la Spagna, in realtà è originario dell'Italia e anche dell'Ungheria. E 'un tipo di salsiccia che risulta dall'impasto di varie carni bovine e suine stagionate e, successivamente, affumicate. È simile al salchichón, tranne che in Italia è condito con aglio.

In italiano, la parola salame, il cui plurale è salame, significa letteralmente salsiccia salata, perché il suo sapore è, appunto, salato, perché il sale è usato per la sua preparazione.

bruschetta

La bruschetta è un altro antipasto molto popolare e tradizionale del centro Italia. La sua preparazione è molto semplice, poiché consiste in diverse fette di pane tostato in cui viene strofinato l'aglio e, successivamente, vengono tostate in un apposito forno chiamato brustoline in modo che siano d'oro.

Fatto ciò si aggiungono olio d'oliva, paprika macinata e sale, anche se questi ingredienti possono variare a seconda della regione o zona in cui vengono preparati, essendo un aperitivo aperto alla fantasia di ognuno.

Si aggiungono anche formaggio, pomodoro e altre verdure tagliate a cubetti, come peperoni, carote, mais dolce, cipolla ... Nella regione Toscana questo piatto è chiamato fettunta, il cui significato letterale è affettare in olio.

Parmigiana di melanzane

L'antipasto di melanzane alla parmigiana o parmigiana di melanzane È un piatto della regione di Campania, nel sud dell'Italia.

Come indica il nome, l'ingrediente principale di questo piatto sono le melanzane (melanzana in italiano) tagliate a fette spesse circa 0,5 cm, che vengono fritte e accompagnate da parmigiano grattugiato (in italiano, Parmigiano Reggiano), uovo, salsa di pomodoro e qualche foglia di basilico.

Si cuociono alla griglia, anche se se volete ottenere un piatto meno calorico potete cuocerli anche al forno. La disposizione di fette di melanzane È simile alle lasagne in quanto sono a strati, proprio come le sfoglie di pasta.

Esistono diverse varianti di questo piatto; Così, ad esempio, la variante napoletana sostituisce il parmigiano con la mozzarella; in Sicilia e Puglia invece i formaggi di pecora stagionati (formaggio pecorino).

Un'altra variante è quella a base di zucca, piatto conosciuto con il nome di Zucchine ripiene ed è anche molto popolare in Cucina argentina.

Burrata

Burrata o semplicemente burrata è una crema di formaggio fresco molto tipica in Italia, il cui nome deriva dal termine culocos'è burro in lingua italiana, e questo formaggio è molto burroso.

È fatto con latte di mucca fresco e ottenuto nel modo seguente: prima si separa la cagliata dal siero di latte; in seguito il siero viene riscaldato e, una volta che la cagliata è entrata in contatto con il siero, viene filata, cioè il formaggio assume una consistenza elastica.

Questo processo viene utilizzato anche per fare la mozzarella fresca, ma la differenza tra i due tipi di formaggio è che la mozzarella è prodotta con latte di bufala. La burrata sembra un sacco, perché è riempita con un composto chiamato stracciatella, che si ottiene impastando la pasta filata con la crema di latte.

La consistenza di questo formaggio è cremosa e di solito viene servito con fette di pomodoro e pane tostato.

cartelle

La pasta è il pilastro fondamentale della cucina italiana e c'è una vasta gamma di tipi di pasta, ognuno con una forma diversa. Di solito la pasta è sempre condita con un sugo ed è sempre condita con spezie come l'origano o il basilico.

I pasti con pasta italiana sono inclusi come primo piatto all'interno della struttura tipica di un menu di cucina italiana, cioè come il primo (Piatti principali italiani), dopo l'antipasto. Tra i nomi principali della pasta italiana segnaliamo quelli di seguito citati.

Lasagna

La Lasagna È una varietà di pasta a forma di sfoglia quadrata. Questa piastra è composta da diversi di questi fogli intervallati a formare un blocco. Tra ogni sfoglia viene aggiunto un ripieno che può essere di carne, pesce o verdure e che viene impastato con un sugo tipico, solitamente bolognese.

L'ingrediente che non manca mai in una buona lasagna è la besciamella. È tradizione cucinarlo al forno, così in Italia viene spesso chiamato lasagne al forno. Il termine lasagne viene dal latino lasanum e, infatti, si riferisce al contenitore che in passato veniva utilizzato per cucinarlo.

Canelones

Per fare i cannelloni (cannelloni in italiano) si usano le stesse sfoglie delle lasagne, la differenza è che invece di intrecciare le sfoglie a strati, vengono arrotolate.

Il risultato finale è una sorta di rotolo di forma cilindrica, quindi sono chiamati cannelloni. Questo piatto è attualmente consumato più in Catalogna (Spagna) che nella stessa Italia.

ravioli

ravioli è una parola derivata dal latino rabiolo e mezzi tipo di gioia. In questo modo, qualsiasi tipo di pasta ripiena è una varietà raviolo (ravioli al plurale).

Così, il famoso tortellini, agnolotti, anolini, casoncelli, cappelletti, pansotti, sorrentino e un lungo eccetera sono tipi di ravioli.

Gli ingredienti che solitamente vengono ripieni sono vari e aperti alla fantasia di chi li prepara, ma sono comuni i formaggi, le carni, le verdure o anche il pesce, come il tonno o il salmone.

Tagliatelle

Tagliatelle significa in italiano tagliatelle ed è un tipo di pasta allungata dalla forma schiacciata da cui derivano diverse varietà, ognuna con una larghezza diversa. Le tagliatelle in Italia fanno parte di un gruppo di pasta chiamato incolla asciute, cioè pasta secca.

Per la loro preparazione vanno lessate in acqua, solitamente circa 10 minuti. Successivamente, vengono scolate e vengono aggiunti olio d'oliva e un po 'di salsa tipica italiana (bolognese, carbonara, pesto ...) e spezie come origano o basilico.

In realtà sono simili ai noodles in cucina cinese, ma si differenziano per il fatto che la farina usata per i noodles cinesi è riso o soia, e quella usata per tagliatelle dall'Italia è il grano.

Spaghetti

Spaghetti è il plurale del termine spaghetti ed è stato adattato allo spagnolo come spaghetti. Il significato di spaghetti es cordone ed è derivato dalla forma di questo tipo di pasta: allungata e sottile, come una “corda”, a sezione circolare, a differenza delle tagliatelle, la cui forma è appiattita.

Come le tagliatelle, sono comuni anche nella cucina cinese; per esempio, gli spaghetti di riso sono simili. Come gli altri tipi di pasta, vengono cotti e poi conditi con una salsa.

maccheroni

In italiano maccheroni, I maccheroni sono una sorta di tubi cavi all'interno e di forma allungata. L'etimologia della parola Macarrón ci porta al termine greco makáriosil cui significato è felice.

La sua origine risale all'epoca del Mezzogiorno in Italia e furono introdotte nel paese a causa dei movimenti migratori così frequenti in Italia in quel periodo. La diffusione dei maccheroni nel mondo si è espansa così tanto che attualmente fanno parte della dieta settimanale di quasi tutte le famiglie spagnole, ad esempio.

risi

In italiano, riso Si dice che riso e da qui deriva il termine risotto che, contrariamente a quanto si pensa comunemente, fa riferimento a tutti i piatti tipici italiani il cui ingrediente base è il riso all'interno della gastronomia italiana.

Il risotto è particolarmente apprezzato in Piemonte, Verona e Lombardia occidentale, poiché la coltivazione del riso è comune in queste regioni. Questo piatto è sempre composto da riso, parmigiano e qualche altro ingrediente, che può essere una verdura o un tipo di carne o pesce. Di seguito elenchiamo quindi le tipologie di risotto più comuni:

Risotto alla milanese

Questo tipo di riso è originario di Milano e l'ingrediente utilizzato è zafferano, quindi il piatto ha un colore giallastro.

Risotto al radicchio

Si prepara il risotto al radicchio insalata di cavolo rosso, il cui ingrediente principale è il cavolo rosso. Quindi, il colore di questo tipo di risotto è rossastro.

Risotto ai funghi

Il risotto ai funghi è probabilmente il tipo di risotto più diffuso e quello che ha varcato i confini. Molte persone pensano a lui risotto ai funghi quando si parla di risotto. Questa variante porta setas.

Risotto alla zucca

Questo tipo di risotto ha pezzi di zucca, che rende il suo sapore un misto di contrasti, poiché il sapore salato del riso si mescola al sapore leggermente dolce della zucca. È tradizione servirlo all'interno della zucca stessa, che a sua volta ne esalta il sapore.

Risotto alle zucchine

El risotto alle zucchine è simile a risotto alla zucca, tranne per il fatto che è preparato con zucchini. È importante utilizzare zucchine fresche per la sua preparazione; altrimenti il ​​risultato finale potrebbe essere un po 'insipido. Data la quantità di vitamine delle zucchine, questo piatto è molto salutare.

Risotto alla salsiccia

El risotto alla salsicciaA differenza dei risotti sopra citati, si prepara con carne, di solito con un tipo caratteristico di chorizo ​​italiano o con salsicce.

Risotto agli spinaci

Questo risotto è fatto con spinaci, quindi il suo colore è verdastro. Questo risotto, come tutti gli altri, ha il parmigiano. Inoltre, è normale aggiungere un peperoncino, in modo che acquisisca un tocco piccante. Viene aggiunta anche la cipolla.

Risotto ai frutti di mare

El risotto ai frutti di mare è fatto con mollusco. Tra i frutti di mare che di solito include, spiccano le cozze, le vongole fresche o i calamari, tra gli altri. Per cuocere il riso è opportuno utilizzare brodo di pesce, in modo da esaltare il sapore dei frutti di mare.

Risotto agli asparagi

Per la preparazione di questa variante di risotto, asparagi verdi. Al posto del parmigiano si può usare anche formaggio di capra.

Zuppa

L'uso di verdure varie è molto comune nella maggior parte delle zuppe italiane, come vedremo più avanti. La pasta può anche essere consumata accompagnata da un brodo e accompagnata da carne come il pollo, tra gli altri.

Minestra maritata

Questo piatto è costituito da una zuppa conosciuta anche con il nome di zuppa matrimoniale italiana, poiché il nome in italiano significa letteralmente zuppa di matrimonioAnche se questo non significa che sia legato ai matrimoni.

L'utilizzo del concetto di matrimonio nasce dal fatto che gli ingredienti principali di questo piatto, la carne e le verdure, vengono prima cotti separatamente e, per essere serviti, vengono messi insieme, cioè "sposati".

Il brodo di questa zuppa può essere fatto con carne di manzo o pollo e, come per le verdure, tra queste compare sempre il prezzemolo. Sono inclusi anche bietole, spinaci, cavoli, cavoli ...

minestrone

Questa è la zuppa italiana più famosa a livello internazionale. È preparato a base di pomodori e un'ampia varietà di verdure, oltre a legumi e maccheroni. La ricetta di questa zuppa varia a seconda delle regioni; In questo modo i paesi costieri lo preparano con crostacei e pesce; invece, le regioni interne aggiungono carni e salsicce.

Pasta Fagioli

La zuppa di nome pasta e fagioli di solito è servito come antipasto o antipasto nella maggior parte dei ristoranti italiani. Contiene fagioli (fajioli in italiano), che deve essere di alta qualità. Questa zuppa è adatta ai vegetariani, anche se è vero che esistono versioni in cui è incluso prosciutto o pancetta.

Pizze

La pizza, con tutte le sue varietà e accessori, è senza dubbio il piatto più apprezzato non solo in Italia, ma in gran parte del mondo, e la varietà di consistenze e contenuti che può includere nella sua preparazione la rendono un piatto ideale per essere adattato ad altre culture, principalmente grazie alla sua capacità di fondere diversi ingredienti.

La pizza più tradizionale è quella a base di focaccia al forno, che si prepara con farina di grano tenero, acqua, sale e lievito, che viene ricoperta con salsa di pomodoro e mozzarella. Da lì, il resto degli ingredienti va a piacere e sono aperti all'immaginazione di ogni commensale.

Quindi, ci sono una moltitudine di ricette di pizza, sia che si tratti di carne, verdure, diversi formaggi, pesce ... La gamma di possibilità è molto ampia; Tuttavia, qui vi diamo i nomi delle pizze tradizionali italiane:

  • Pizza marinara: i suoi ingredienti sono fette di pomodoro e origano.
  • Pizza Margherita- Questa pizza include anche fette di pomodoro e palline di mozzarella.
  • Pizza napoletana: Include gli stessi ingredienti della pizza margarita, ma vengono aggiunti anche origano e basilico.
  • Pizza di primavera: i suoi ingredienti caratteristici sono olive e carciofi.
  • Pizza Quattro Stagioni: L' pizza quattro stagioni Comprende ingredienti caratteristici di ogni periodo dell'anno. Quindi, in primavera, comprende olive e carciofi; che rappresentano il vernao, salame e pepe sono inclusi; l'autunno si riflette nel pomodoro e nella mozzarella; l'inverno finalmente si mostra attraverso funghi e uova sode.
  • pizza ai quattro formaggi: Come suggerisce il nome, questa pizza include quattro diversi tipi di formaggio, che di solito sono mozzarella, gorgonzola, provola e parmigiano.

focaccia

La focaccia è molto simile alla pizza, ma si differenzia per il tipo di pane utilizzato. Consiste in un impasto a base di farina, olio, sale, acqua e lievito e ha anche un alto contenuto di glutine.

Questa base è ricoperta da varie erbe e spezie, come il rosmarino, che le conferisce un sapore molto caratteristico. La tradizionale specialità della focaccia proviene dalla regione di Genova, nello specifico Recco.

Calzone

Calzone è un tipo di pizza originale da il Napoli E, quindi, è simile alla pizza napoletana per gli ingredienti che comprende. Si cuoce anche al forno, ma si differenzia dalla pizza in quanto è un impasto chiuso ripieno di formaggio (mozzarella, ricotta, parmigiano ...), carne macinata o macinata, verdure ...



Quando l'impasto è chiuso, l'aroma dei suoi ingredienti viene esaltato durante il processo di cottura. Viene servito caldo ed è solitamente accompagnato dalla salsa marinara, che consiste in salsa di pomodoro condita con basilico. Questo piatto è anche comunemente consumato in Argentina.

Panini

Il panino (panini plurale) è una variante della pizza che costituisce un misto tra pizza e panino. I panini sono fatti in modo simile alla pizza, cioè su una pagnotta, si aggiungono gli ingredienti, compreso il pomodoro e il formaggio sulla base, e si sfornano.

Il pane utilizzato è solitamente il pane rustico di medie dimensioni, in particolare in Italia, sia a ciabatta (pane bianco fatto con farina di grano tenero molto giovane) o una coccarda. I panini vengono sempre consumati caldi e tostati, il che di solito li fa ricevere il nome colloquiale di toast (Termine in lingua inglese che significa tostada).

Carne tipica italiana

I migliori piatti italiani sono elencati in questa sezione e sono quelli che sono considerati piatti principali della giornata o piatti principali in Italia, come pizza, pasta, zuppe e quelli sopra menzionati.

ossobuco

È un piatto della tradizione milanese che ha guadagnato fama dal XX secolo ad oggi. Osso buco significa letteralmente osso cavo ed è che è uno spezzatino o spezzatino fatto con stinco di manzo tagliato a fette spesse e senza disossamento.

La cosa più normale è che venga servito accompagnato con risotto alla milanese. Per fare lo spezzatino si usa vino bianco e, pochi minuti prima che finisca la cottura, si aggiunge la salsa di pomodoro e alcune verdure come carote, cipolla ...

Bistecca alla fiorentina

Questo piatto di carne è originario della Toscana. Si usa carne di chianina o filetto di manzo. Il filetto si caratterizza per essere molto spesso e disossato.

È tradizione grigliarlo con braci di carbone, in modo che la parte interna sia cruda. A cottura ultimata vengono aggiunti a piacere olio d'oliva, pepe nero macinato, vino Chianti e altre spezie. Viene servito con fagioli toscani o spicchi di limone.

Panino misto alla piemontese

El panino misto È un piatto tipico del nord Italia, in particolare del Piemonte, simile al Pot-au-feu di Gastronomia francese. Questo piatto è considerato un classico della cucina italiana e viene consumato in occasione di feste ed eventi speciali.

Si compone di carni miste bollite che vengono cotte sotto forma di spezzatino o spezzatino e vengono servite con alcune verdure, come carote, sedano, cipolle, aglio ... Per quanto riguarda la carne, di solito si prendono pezzi di parti diverse di ogni animale.

piccata

Il termine piccata In realtà è un termine generico e molto frequente quando parliamo di cucina italiana, poiché consiste in una sorta di carne macinata o sauté che include sempre una salsa a base di succo di limone, burro e spezie diverse.

Questo picadillo viene applicato su carne e pesce, anche se la piccata di pollo è particolarmente comune. Inoltre il piatto è sempre accompagnato da riso o pasta, oltre al tofu nelle varianti vegetariane.

salse

Sarebbe difficile immaginare un piatto di pasta italiana senza che sia accompagnato da un sugo e la gastronomia italiana è caratterizzata proprio dai sughi che i suoi piatti comprendono, che conferiscono loro un sapore forte e unico.

Alcuni sono più leggeri e altri sono più coerenti, ma ognuno ha un'estensione sapore molto caratteristico. Qui vi mostriamo le principali salse italiane.

Salsa al Pomodoro

La salsa al pomodoro è una salsa molto semplice da preparare, poiché sostanzialmente è composta pomodoro schiacciato insieme ad altri ingredienti come: cipolle, basilico, sale, olio, spezie varie e aglio.

Si possono includere anche altre verdure come i peperoni e durante la sua preparazione viene aggiunto un tocco di zucchero per eliminare il forte sapore acido del pomodoro. Questa salsa è, a sua volta, l'origine del ragù alla bolognese di cui parliamo di seguito ed è anche quello che si spalma come base su tutte le pizze.

Pesto alla genovese

Sebbene non sia l'unico ingrediente che rende questa salsa così speciale, è vero che il basilico costituisce il sapore inconfondibile di questa salsa.

Il termine pesto viene dal verbo Batto le palpebreil cui significato è schiacciamento o triturar e deriva dal fatto che questa salsa è fatta con a mortaio, poiché tutti i suoi ingredienti sono schiacciati.

Oltre al basilico, altri ingredienti che non possono mancare sono: pinoli, parmigiano grattugiato, olio d'oliva, aglio e sale.

Salsa alla carbonara

Il sugo alla carbonara abbinato viene utilizzato per mangiare la pasta ed è caratterizzato dal sapore deciso fornito da uno dei suoi ingredienti principali: bacon tagliate a piccoli dadi.

Inoltre, viene utilizzato nata per cucinare, parmigiano, cipolla e in alcuni casi funghi. La panna insieme al formaggio conferisce a questa salsa una consistenza densa. Infine, viene aggiunto un tocco di pepe nero macinato, oltre a origano o basilico a piacere.

Ragù alla bolognese

La salsa bolognese è una delle salse più pesanti della cucina italiana, principalmente perché include tritare. Inoltre, non possono mancare il pomodoro schiacciato (salsa di pomodoro) e la cipolla, oltre a diverse spezie, tra cui l'origano.

Sebbene questa salsa abbia fatto il giro del mondo ed è stata commercializzata da diversi marchi, è originaria di Bologna, da qui il suo nome.

Sugo alla puttanesca

La salsa alla puttanesca è il risultato dell'abbinamento con le acciughe capperi, prezzemolo, aglio e olive nere. Inoltre, viene dato un tocco piccante grazie all'utilizzo di guindilla, anche se questo è facoltativo e può essere sostituito con il peperone.

Si prepara mettendo l'olio d'oliva in una padella e, subito dopo, si soffriggono l'aglio, la cipolla, le acciughe e le olive, la salsa di pomodoro e il resto degli ingredienti. Si conserva in padella fino a quando non acquisisce una consistenza densa e omogenea. Come la salsa bolognese, questa salsa è considerata pesante e tranquilla calorifico.

Dolci e Dolci

I dolci e i dolci della tradizione italiana hanno una lunga storia. Si stima che i primi fossero a base di pane con miele o frutta, poiché in origine lo zucchero era un bene di lusso. Oggi i dolci tipici italiani variano da regione a regione, anche se tutti sono diventati famosi in tutto il mondo in misura maggiore o minore.

amaretti

Il termine amaretti (al singolare amaretto, Significato amaro in italiano) indica un tipo di biscotto che può essere trovato in qualsiasi regione d'Italia.

Sono realizzati con pasta di mandorle, che comprende i seguenti ingredienti: zucchero, mandorle dolci e amare, albume d'uovo e semi di albicocca. Opzionalmente è possibile utilizzare anche spezie, miele, latte, lievito e alcuni conservanti.

Questo dolce è anche popolare in cucina francese, soprattutto in Lorena e nei Pirenei atlantici, oltre che in Argentina. Tuttavia, questo dolce è di origine araba.

Slime

El melma al rum è un dolce tipico napoletano, anche se molto diffuso in Francia. È una sorta di brioche a base di pasta arricchita con uova e burro.

Una volta cotto, questo impasto viene bevuto con sciroppo di rum o un altro liquore, come il limoncello. Oggi la sua forma è simile a quella di un tappo per bottiglia di champagne, ma la ricetta tradizionale era preparata con uno stampo a forma di corona.

canestrelli

Sono un'altra tipologia di biscotti che, sebbene siano particolarmente apprezzati in Piemonte e Liguria, si possono davvero trovare in qualunque zona d'Italia.

Si stima che l'origine di questo dolce risalga al Medioevo, quando furono chiamati nebule e venivano serviti in occasione di eventi speciali, come matrimoni, battesimi, carnevali o celebrazioni religiose.

Per farlo servono uova, farina, zucchero, burro, amido di mais, vaniglia e scorza di limone. Si servono ricoperti di zucchero a velo.

cannoli

I cannoli (cannolo singolare) sono un altro dei dolci protagonisti della pasticceria italiana, anche se originari della Sicilia, regione dove vengono serviti in occasioni speciali.

Sono involtini di forma cilindrica fatti con farina, lievito, sale, zucchero semolato, tuorli d'uovo e vino rosso. Questi ingredienti vengono impastati fino ad ottenere un impasto compatto dal quale otterremo dei piccoli impasti circolari che poi friggeremo fino a quando il loro colore diventerà bruno-dorato.

Una volta preparata la farcitura, viene farcita con crema pasticcera condita con un tocco di cannella, ricotta e noci tritate.

Cantuccini

Questo dolce è anche conosciuto come cantucci o biscotti di Prato ed è originario della Toscana, precisamente di Prato, da cui quest'ultimo nome. È costituito da una torta di mandorle il cui processo di produzione è caratteristico.

Per prima cosa si inforna l'intera torta e, quando è quasi pronta, si sforna, si taglia a fette e si rimette dentro fino a cottura ultimata. Il tuo nome in italiano bis-cotto mezzi cotto due volte a causa di questa tecnica di cottura. La prima ricetta dei cantucci risale al XVIII secolo.

Manifesto

Sono dolci tipici natalizi, originari della provincia di Foggia, sebbene siano molto apprezzati anche in Puglia e Basilicata. Il suo nome deriva dal termine lettera oleata, che è un tipo di carta da cucina utilizzata in tempi antichi e si caratterizza per essere molto fine, come l'impasto di questi dolci, che è fatto con farina, vino bianco e olio.

L'impasto ha la forma di una rosa e, infine, vengono fritti in abbondante olio e serviti impregnati di vincotto caldo, fonduta di cioccolato o miele e cosparsi di cannella, zucchero a velo o decorazioni colorate.

cassata

La cassata è un dolce siciliano originale il cui nome è stato adattato in spagnolo come caseta. I suoi ingredienti sono: ricotta, zucchero semolato e zucchero a velo, frutta candita tipica italiana, pan di spagna e marzapane.

La ricetta originale è semplice, ma attualmente ci sono diverse varianti regionali che possono includere di tutto, dai pistacchi e pinoli all'aroma di cioccolato, cannella o fiori d'arancio.

castagnaccio

Questa torta di farina di castagne è tradizionale toscana, piemontese, emiliana e ligure e localmente riceve anche nomi come Baldino, patona o ghrighio. Di solito è preso in autunno.

L'impasto, oltre alla farina di castagne, è realizzato con altri ingredienti: acqua, olio d'oliva, pinoli, uva sultanina, ecc. Esistono anche varianti locali in cui sono stati inseriti rosmarino, scorze d'arancia, frutta secca, ricotta, miele ...

Colomba pasquale

La colomba pasquale o colomba di Pasqua È, come suggerisce il nome, un comune dolce pasquale. L'origine di questo dolce risale al tempo del re Alboino di Lombardia, al quale durante l'assedio di Pavia fu concesso un tipo di pane dolce a forma di colomba come simbolo di pace.

La ricetta originale per il suo impasto è preparata con farina, zucchero, burro, uova, scorza d'arancia candita e glassa di mandorle.

crostata

È una torta che consiste in un impasto i cui doppi sono piegati in modo da essere ricoperti e riempiti di marmellata, che può essere ciliegia, fragola, pesca o albicocca, tra gli altri sapori.

È anche possibile farcirlo con pezzetti di frutta fresca e / o crema pasticcera, nel qual caso il nome dato è quello di torta di frutta. Un'altra variante è chiamata crostata di ricotta, in cui la marmellata viene mescolata con ricotta e pezzetti di cacao o anisetta. È anche un dolce molto popolare in Argentina.

frutta martorana

Questo dolce è molto simile al marzapane e, infatti, viene anche chiamato Marzapane siciliano. La sua origine è in realtà araba e gli ingredienti principali sono zucchero e mandorle.

Alle origini risalgono all'antico convento della Martorana a Palermo, dove le suore sostituivano la frutta (arance, limoni, mandarini ...) al marzapane con la forma ei colori di ogni frutto per decorare il giardino del convento. Per la sua preparazione è necessario utilizzare coloranti di vari colori.

gelato italiano

El gelato È il gelato ampiamente consumato anche in Spagna, soprattutto durante i caldi mesi estivi. La differenza dal solito gelato sta nel fatto che il processo produttivo della versione italiana è completamente artigianale e viene prodotto in grandi quantità.

Inoltre, un'altra importante differenza è la quantità di aria che ciascuna contiene; Pertanto, mentre il gelato normale contiene il 40% di aria, il gelato L'italiano non contiene mai più del 10%. Per questa ragione, gelato L'italiano è molto cremoso.

A sua volta, la gelato contiene più del 10% di grassi in meno rispetto al normale gelato, perché è preparato con ingredienti naturali. I soliti sapori sono quelli che vengono dall'Italia: tiramisù, limone, frutti di bosco, cappuccino, nocciola ...

Meringa

La meringa è un dolce molto diffuso anche nella pasticceria spagnola, dove si trova in diversi colori. È fatto con albume d'uovo sbattuto e zucchero, nonché aromi di vaniglia, cocco o mandorle. Il loro sapore è molto dolce e sono spesso usati come ripieno per torte o pasticcini. La consistenza è morbida al tatto, ma possono anche essere dure una volta cotte.

Panettone

Il panettone classico è un tipico dolce natalizio che ha varcato i confini negli ultimi anni ed è diventato anche un ingrediente fondamentale Natale spagnolo. Il suo processo di preparazione non è facile e richiede fino a due giorni per essere pronto.

La ricetta originale prevede la pasta madre per realizzarla, ma può essere realizzata anche con lievito di birra. Prima di iniziare a preparare il panino stesso, gli ingredienti devono essere mescolati e lasciati fermentare per una notte a temperatura ambiente.

Per questo fermento va utilizzato poco lievito in modo che l'impasto lieviti molto lentamente, in modo che l'intensità dei sapori sia molto maggiore.

Panforte

Il panforte italiano è simile al dolce tedesco chiamato Nürnberger Lebkuchen. Questo dolce, come il panettone, è tipico del Natale, ma oggi si può consumare in qualsiasi periodo dell'anno.

In origine, il suo nome era panpepato, perché la ricetta originale prevedeva il pepe. Questo dolce è nato nella città di Siena. Tra gli ingredienti che lo caratterizzano spiccano fichi secchi e canditi, miele e cioccolato in polvere.

Panna cotta

Sebbene simile, il file panna cotta non è una gelatina. Questo dolce tradizionale in Italia è preparato con crema di latte, zucchero e gelificanti, da cui si ottiene una massa simile al flan, ma la cui consistenza e sapore differiscono notevolmente.

Fondamentalmente, il panna cotta sa di latte. A questo tipo di gelatina viene aggiunta la marmellata di frutti di bosco.

sfogliatelle

Questi dolci sono di pasta sfoglia con ricotta e semola, e sono originari di Napoli, anche se, in realtà, sono di origine araba. Si compone di tanti strati di questa pasta sfoglia che vengono arrotolati e riempiti di pasta di mandorle.

La forma che viene data a ciascuno di questi dolci può essere ottenuta solo realizzandoli a mano. La loro consistenza è croccante e sono disponibili in diverse dimensioni. Il nome originale è sfogliatella riccia di napole.

Tiramisù

Il tiramisù è una torta composta da più strati montati uno sopra l'altro. L'ingrediente che non può mai mancare in questo dolce è il caffè, che viene aggiunto in ogni strato insieme a una crema di uova sbattute e zucchero, e si può aggiungere un tocco di liquore all'Amaretto per esaltarne il sapore.

Infine, si cosparge il cacao in polvere. La base del tiramisù può essere fatta con biscotti, pan di spagna o Savoiardi (Pan di Spagna). Per la sua preparazione si utilizza anche il formaggio, in particolare il mascarpone, poiché il suo sapore è dolce e ricorda la panna montata.

zuppa inglese

Questo dolce è molto simile al tiramisù e la sua origine è in realtà inglese, in particolare dell'era elisabettiana. In Italia è comune nelle regioni di Ferrara, Bologna, Forlì ...

È una torta che viene imbevuta dei seguenti liquori: alchermes y rosolia. Inoltre si aggiungono pezzetti di frutti di bosco e crema pasticcera, panna, gelatina di frutta o crema di latte.

La presentazione tradizionale viene servita in un bicchiere in modo che attraverso di essa si possano apprezzare i colori dei suoi ingredienti. All'interno del bicchiere la torta viene stratificata con i pezzi di frutta e la crema pasticcera.

Questo articolo è stato condiviso 1065 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: