Attualmente, si stima che ci siano tra 4.000 e 5.000 religioni diverse in tutto il mondo, sebbene non sia possibile fornire una cifra esatta. Tuttavia, sappiamo quali sono le religioni con il maggior numero di seguaci:

religioneNumero approssimativo di follower
Cristianesimo2.100.000.000
Islam1.155.000.000
induismo1.010.000.000
Buddismo776.000.000
Religione cinese tradizionale394.000.000

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Indice degli articoli

Quali sono le principali religioni del mondo?

Cristianesimo

Dal latino cristianesimo, Il cristianesimo ha la sua origine storica nel giudaismo dell'inizio dell'era presente. Questo perché Gesù di Nazareth, il massimo esponente della religione cristiana, si è sempre identificato come un devoto ebreo, sia nella sua dottrina che nei suoi insegnamenti.



Questa religione monoteista abramitica si basa sulla vita della stessa, che è raccolta nel Bibbia.

L'insieme dei libri canonici del giudaismo e del cristianesimo sono raccolti nella Bibbia o libro sacro, il cui scopo non è altro che trasmettere la parola di Dio. Attualmente la Bibbia è stata tradotta in 2.454 lingue.

La Bibbia stessa è una raccolta di testi scritti in primo luogo in ebraico, greco e aramaico, e successivamente messi insieme per formare il Tanakh ebraico o Antico Testamento per i cristiani e, più tardi, il Nuovo Testamento.

Mentre l'Antico Testamento racconta la storia del popolo ebraico, il Nuovo Testamento tratta della vita, morte e risurrezione di Gesù, nonché del messaggio che trasmette e della storia dei primi cristiani.

La Bibbia è, in definitiva, un'opera spirituale che per i credenti costituisce il modo in cui Dio si è rivelato e ha manifestato la sua volontà per la salvezza dell'umanità.

Vale la pena ricordare che, nel corso della sua storia, il cristianesimo ha subito numerose divisioni, che hanno dato origine a diversi gruppi di credenze con conseguenti variazioni a seconda del luogo e della cultura che li circonda.

A partire dalla Riforma protestante (XVI secolo), questa religione è stata divisa in tre rami principali, che predominano nelle seguenti aree e paesi del mondo:

  • I cattolici: Europa sud-orientale, Africa settentrionale e centrale, Sud America, Messico, Canada e Filippine.
  • Protestanti: Paesi nordici, Regno Unito, Australia, Sud Africa, Namibia, Botswana, Stati Uniti d'America e Groenlandia.
  • Ortodosso: Russia e l'Ucraina.

La principale credenza cristiana è quella che detta dottrina della Trinità: Dio è uno e, allo stesso tempo, Padre, Figlio e Spirito Santo. È il creatore e responsabile della conservazione dell'universo e della cura della razza umana attraverso la sua Parola.

Quello che cerca nell'essere umano è l'esecuzione di buone opere. In generale, Gesù Cristo è il Messia descritto nell'Antico e nel Nuovo Testamento, e allo stesso tempo è pienamente Dio e umano allo stesso tempo.

Un'altra delle principali dottrine del cristianesimo è quella della salvezza attraverso la conversione e il perdono dei peccati, che porta alla vittoria su tutte le conseguenze del peccato.

La salvezza può essere concessa dalla grazia di Dio ed è ciò che Gesù Cristo ha ottenuto con la sua crocifissione e la successiva risurrezione. Se Dio concede la salvezza, si ottiene la vita eterna, da qui l'ascensione di Gesù Cristo al cielo, cioè il Regno di Dio dettato dalla Bibbia.

Le pratiche svolte dai cristiani implicano l'instaurazione di una relazione con Dio.

Pertanto, per essere un buon cristiano, devono essere adempiuti (in ordine cronologico) i sette sacramenti: battesimo (introduzione della persona al cristianesimo), cresima, eucaristia, penitenza, ordine sacerdotale, matrimonio e unzione degli infermi.

Islam

L'Islam è una religione monoteista basata sul libro sacro del Corano, la cui premessa fondamentale per i suoi aderenti è che "Non c'è Dio all'infuori di Allah" e, a sua volta, Muhammad è l'ultimo messaggero di Allah (in arabo, Allah, Significato Dio).

Vengono chiamati seguaci dell'Islam Musulmani, termine dall'arabo Musulmano che letteralmente significa chi si sottomettee la sua lingua ufficiale è l'arabo.

I principali paesi in cui si pratica l'islamismo sono Arabia Saudita, Somalia e Afghanistan, la cui percentuale di popolazione musulmana è prossima al 100%. Si stima che anche il 98-99% della popolazione di paesi come Maldive, Sahara occidentale, Turchia, Iran, Algeria, Mauritania e Yemen siano seguaci di questa religione.

L'Islam non è solo una religione, ma una cultura in cui aspetti come la vita sociale, familiare, educativa e giudiziaria, e persino il modo di vestire, sono regolati dalle linee guida stabilite dalla religione.

Ciò significa che i comandamenti del Corano sono quelli che governano il funzionamento dello Stato, cioè la legge che governa la società. In questo modo, la costituzione dei musulmani si chiama Sharia o legge islamica, dove i diritti e i doveri dell'uomo, le pene, i crimini ...

I musulmani hanno tre luoghi santi, elencati di seguito:

  • La Mecca: è la città verso cui i musulmani devono fare pellegrinaggio almeno una volta nella vita. In esso nacque Muhammad ed è qui che la moschea Masjid al-Haram (letteralmente, santa moschea), in cui la preghiera comporta l'ottenimento di una ricompensa equivalente a 100.000 preghiere.
  • Medina: È il luogo che ha visto arrivare il profeta Maometto quando è emigrato alla Mecca, gli ha dato rifugio e ha accettato il suo messaggio. I suoi abitanti erano allora conosciuti come "Ansar" per averlo accolto con favore. Lì morì e fu sepolto anche lui.
  • Moschea di Al-Aqsa: La tradizione musulmana racconta che questa moschea situata a Gerusalemme è il luogo in cui Maometto ascese al cielo. Pregare nella moschea di Al-Aqsa equivale alla ricompensa di 500 preghiere, poiché è considerato il luogo in cui Muhammad comunicava con Dio e la preghiera era stata stabilita.

Per l'Islam, ogni membro della società ha una serie di diritti e doveri, quindi ogni individuo che accetta questa religione deve guidare la sua vita secondo queste regole.

Questi diritti sono inclusi nel Risalatul Huquq, che include il diritto di Dio, i diritti della lingua, i diritti delle donne e i diritti del nemico, tra molti altri.



Tuttavia, in generale, la legge dell'Islam impone quattro tipi di diritti e doveri all'uomo:

  • Doveri verso Dio: ogni uomo è obbligato a soddisfarli. Secondo il Corano, l'uomo deve costantemente riflettere e ricordare Dio, oltre a obbedirgli, accettare la sua volontà ed essere consapevole in ogni momento che la sua funzione sulla Terra è quella di adorare e compiacere un solo Dio.
  • Doveri dell'uomo rispetto a se stesso: il Corano dice che Dio non cambia la situazione di un popolo o di una società, ma che sono gli individui che la compongono che cambiano ciò che è in se stessi, cioè corpo, mente e anima.
  • Diritti degli altri con lui: la famiglia, i genitori, il matrimonio e la comunità sono i suoi quattro grandi pilastri. Mantenere legami di parentela e compiacere i genitori sono due principi legati al piacere a Dio. All'interno del matrimonio, ci sono obblighi del marito rispetto alla moglie e viceversa, nonché obblighi e diritti dei figli.

induismo

Chiamato induista a qualsiasi persona che pratica una qualsiasi delle religioni dell'induismo e fa parte di quella stessa cultura. È una religione a cui manca un fondatore, poiché in realtà comprende diverse religioni diverse, che vengono erroneamente chiamate allo stesso modo.

L'induismo è la tradizione religiosa maggioritaria a Bali, in Nepal, in India e nell'isola africana di Mauritius. L'India nello specifico è la culla dell'induismo ed è considerata la sua terra santa, dove l'80,5% della popolazione la professa.

Tuttavia, ci sono comunità di immigrati indù significative in paesi come Arabia Saudita, Birmania, Indonesia, Messico, Panama, Sud Africa e Thailandia. Nei paesi occidentali come il Regno Unito e gli Stati Uniti, ci sono gruppi altrettanto importanti di indù.

L'induismo ne ha due testi sacri principale:

  • Shruti: consiste in un insieme di testi sacri che possono essere seguiti solo alla lettera. Da un lato, comprende tutti e quattro Veda e, d'altra parte, Upanishad.
  • Smiriti: il termine significa ricordato o la tradizione. Questo gruppo di testi sacri include il testo epico Mahabharata, la Ramaiana o storia epica del dio-re Rama, i 18 Purana principali e gli antichi testi sull'ayurveda (medicina tradizionale indù).

La base di tutto l'induismo è governata intorno alla realtà chiamata bramano o l'essenza interiore, cioè l'idea che l'insieme di tutte le cose e gli eventi che ci circondano non sono altro che diverse manifestazioni della realtà ultima.

Si bramano si riferisce a una sfera intangibile e incomprensibile per l'individuo del mondo terreno, la sua manifestazione nell'anima umana è chiamata Atman. L'idea che Brahman e Atman si fondano in uno è l'essenza di Upanishad precedentemente menzionato.

È importante sottolineare il fatto che per Induismo non si intende una religione o una filosofia, ma piuttosto un vasto e complesso organismo socio-religioso, dove c'è spazio per una miriade di cerimonie, rituali, discipline e divinità.

Per l'induismo, il mondo funziona attraverso il sacrificio di Dio, dove il termine sacrificio è usato nel senso di rendere sacro. Quindi, implica il fatto che Dio si trasforma in un mondo che, alla fine, finisce per diventare Dio, e così via costantemente. Questa attività è chiamata lila.

Il Pantheon indù ha una moltitudine di dei, sebbene ce ne siano tre tra i più rilevanti:

  • Brama: È il dio creatore dell'universo ed è solitamente rappresentato con 4 teste e 4 braccia, ognuna delle quali regge le 4 Vedae appoggiandosi a un'oca. La continuazione della vita sarà possibile solo se Brama rimane sveglio; quando dorme, tutto muore tranne gli dei. A lui è dedicato il tempio Brahma a Pushkar (India).
  • Vishnu: è rappresentato con 4 braccia che reggono una mazza (simbolo del potere), un fiore di loto (simbolo della creazione e della vita), una ruota dentata (arma che la rende invincibile) e una conchiglia (il suono quando soffia attraverso origine dell'universo). È il dio più popolare dell'India e si ritiene che abbia già completato 9 delle 10 reincarnazioni che devono aver luogo, la decima nella forma del guerriero Kalki.
  • Shiva: È il dio responsabile della distruzione, ma non in un senso crudele e spietato, ma per permettere che tutto venga creato di nuovo. In effetti, l'unica volta che Brahma può dormire per un giorno è quando Shiva distrugge l'universo per crearlo di nuovo e quindi iniziare un nuovo ciclo.

Buddismo

Il buddismo è sia una dottrina religiosa non teistica che una corrente filosofica appartenente alla famiglia dharmica, un termine dal sanscrito dharmail cui significato è religione o legge religiosa.

La religione buddista è stata fondata da Gautama Buddha in India durante il VI secolo aC Da allora si è evoluta, portando alla creazione di una vasta gamma di scuole e pratiche.

All'inizio del buddismo, la vita e la dottrina di Gautama venivano trasmesse oralmente fino a quando non furono compilate per la prima volta nel canone pali o tipitaka, la prima raccolta scritta del buddismo, sebbene una compilazione biografica completa non fu sviluppata fino a diversi secoli dopo. in particolare nel I secolo dC per mano del maestro indù Aśvaghoṣa.

Le storie di vita di Gautama Buddha non sono solo un set di dati biografici, ma una guida alle vite dei suoi seguaci.

Il buddismo comprende una serie di fondamenti che costituiscono la base degli insegnamenti buddisti. Nonostante una vasta gamma di scuole e manifestazioni, i buddisti condividono una serie di principi e concetti filosofici comuni:

  • Le quattro nobili verità: 1) la vita include duḥkha, cioè sofferenza, insoddisfazione o malcontento; 2) l'origine di duḥkha è tṛṣṇā o desiderio; 3) sofferenza o duḥkha può essere estinto se la sua causa è nota; 4) Una volta trovata la causa, il metodo per la sua estinzione è il Nobile Ottuplice Sentiero, che include saggezza, coltivazione della mente e del cuore e condotta etica.
  • Le tre caratteristiche dell'esistenza (Tri-Laksana) - questo principio spiega la natura dei fenomeni del mondo percepito, che si compone di tre caratteristiche universali: anitya o impermanenza, anatman o inesistenza di un ego permanente e duḥkha o sofferenza.
  • Karma: il suo significato in sanscrito è causalità o legge di causa ed effetto. Il karma sarebbe tutta un'azione intenzionale, poiché uno o più effetti che compaiono quando le circostanze sono inclini derivano da esso. Il karma "buono" o "cattivo" si distingue in base all'origine delle azioni.
  • Emergenza condizionata (pratītya-samutpāda): è una formulazione molto elaborata che si riferisce al processo dell'esistere e al modo in cui gli individui sono intrappolati in un ciclo di sofferenza e, quindi, nell'ignoranza. Questo ciclo copre diversi collegamenti dal Avidyā o ignoranza fino a jarā-maraņa o morte, e implica il fatto che "essere" è un regno che viene creato e distrutto momento dopo momento.
  • Rinascimento: Va notato che il principio di rinascita non è equivalente al concetto di reincarnazione presente nell'induismo. Per il buddismo, la rinascita non è vista come qualcosa di desiderabile né equivale a un destino dell'essere. Il percorso verso la rinascita presuppone che l'essere si stia liberando dal karma o dalla catena di cause ed effetti nel tempo.
  • SamsaraSebbene sia un concetto esistente nell'induismo e in altre tradizioni filosofiche, per i buddisti corrisponde alla sofferenza del mondo materiale. L'essere umano deve imparare a liberarsi dal samsara per raggiungere il nirvana, ma questo dipende dalle pratiche spirituali e dal karma accumulato nelle vite precedenti.
  • Nirvana: nirvana o nirvana è il risveglio, l'illuminazione dell'essere. Quando l'individuo raggiunge questo stato, significa che ha raggiunto la liberazione spirituale dal duḥkha o la sofferenza e il ciclo delle rinascite. In breve, è uno stato di felicità suprema.

Il buddismo è la religione predominante in Cina, Mongolia e Giappone, sebbene storicamente fosse considerata la religione maggioritaria in tutta l'Asia. Il gran numero di paesi e regioni che il buddismo ha attraversato durante il suo viaggio storico ne ha fatto una religione in cui c'è spazio per approcci infiniti.

È una delle più grandi religioni del mondo dopo il cristianesimo, l'islam e l'induismo, e a sua volta al di sopra della religione tradizionale cinese. Circa il 6% della popolazione mondiale oggi è buddista.

Religione tradizionale cinese e taoismo

La religione tradizionale cinese è piuttosto una tradizione religiosa in cui le autorità pubbliche e i cittadini comuni condividono una serie di pratiche e credenze religiose. Questi vanno dalla venerazione delle forze della natura e degli antenati all'esorcismo di forze dannose o nocive.

Ecco i concetti principali della religione tradizionale cinese e del taoismo:

  • Tian: questa parola significa giorno o cielo in cinese e costituisce il principio assoluto della realtà universale. Lui Tian è una realtà trascendentale e immanente.
  • Yin e yang: sono due concetti tipici del Taoismo che si riferiscono alla dualità di tutte le cose presenti nell'universo, cioè due forze opposte e complementari. Secondo questo principio, ogni pensiero, essere o oggetto ha un complemento dal quale dipende per esistere, il quale, a sua volta, esiste in se stesso.
  • unno y po: Questi sono i nomi che la filosofia cinese ha dato a due diversi tipi di anime, formando così un dualismo secondo il quale ogni essere umano ha una parte spirituale ed eterea (unno), allo stesso tempo come un'anima corporea che rimane nel corpo del defunto (po).
  • bao ying y ming yun: il primo concetto può essere tradotto come reciprocità e, secondo lui, tutte le manifestazioni dell'essere hanno una durata di vita limitata e una destinazione predeterminata. Da parte sua, ming yun si riferisce al fatto che nulla di ciò che possiamo vedere è casuale, ma che tutto fa parte del ritmo del nostro destino, che era già stato stabilito prima dell'apparizione di un certo evento.
  • Ling y xian ling: l'idea di ling si riferisce, da un lato, al sacro e, dall'altro, al potere soprannaturale. Il termine Shen è usato come sinonimo nel senso di spirituale. Il xian ling si riferisce alla manifestazione di un dio in un luogo specifico o in un tempio.

Sebbene con alcune variazioni, il 30% della popolazione cinese è seguace della religione tradizionale cinese. A Taiwan, invece, è stata incorporata nell'insieme delle credenze tipiche del taoismo, che costituisce la religione del 33% della popolazione. È presente anche nel 3% della popolazione malese.

Da parte sua, il taoismo è piuttosto una filosofia di vita che si basa fondamentalmente sul Tao te re attribuito al filosofo cinese Lao Tse. L'insegnamento principale del taoismo si riferisce al concetto di Tao, che è un'unità assoluta e allo stesso tempo mutevole che governa il principio cosmologico e ontologico di tutte le cose.

Abbiamo incluso il taoismo nella stessa sezione della religione tradizionale cinese perché la verità è che quest'ultima ha ereditato i principi di base e dottrina spirituale del taoismo, così come il buddismo e il confucianesimo, che fa sì che diversi santi condividano.

Questo articolo è stato condiviso 330 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: