L'Unione Europea (UE) è stata istituita dopo l'entrata in vigore del Trattato sull'Unione Europea (TUE) o del Trattato di Maastricht nel 1993 ed è attualmente composta da 28 Stati europei. Grazie all'accordo di Schengen, diversi paesi dell'UE godono oggi dell'abolizione dei controlli alle frontiere tra questi paesi, che consente la libera circolazione delle persone.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Indice degli articoli

Lo spazio Schengen e gli Stati membri dell'Unione europea

stati membri

I paesi fondatori dell'Unione europea erano originariamente Germania, Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi. Ad oggi, l'UE è composta da un totale di 28 Stati membri, con alcune eccezioni come l'Islanda, Russia, Norvegia e la Svizzera, che sono stati europei ma non fanno parte dell'UE.



Anche alcuni territori europei appartenenti a Stati membri dell'Unione non sono inclusi nell'UE; è il caso delle Isole del Canale e delle Isole Fær Øer.

Di seguito sono riportati gli attuali Stati membri dell'Unione, la data di adesione e il capitale:

PaeseData di adesioneCapitale
Germania25 marzo 1957Berlino
Austria1 gennaio 1995Vienna
Belgio25 marzo 1957Bruxelles
Bulgaria1 gennaio 2007Sofia
CiproMaggio 1 2004Nicosia
Croazia1 luglio 2013Zagabria
Danimarca1 gennaio 1973Copenhagen
SlovacchiaMaggio 1 2004Bratislava
SloveniaMaggio 1 2004Lubiana
Spagna1 gennaio 1986Madrid
EstoniaMaggio 1 2004Tallin
Finlandia1 gennaio 1995Helsinki
Francia25 marzo 1957Parigi
Grecia1 gennaio 1981Atenas
UngheriaMaggio 1 2004Budapest
Irlanda1 gennaio 1973Dublino
Italia25 marzo 1957Roma
LettoniaMaggio 1 2004Riga
LituaniaMaggio 1 2004Vilnius
Lussemburgo25 marzo 1957Lussemburgo
MaltaMaggio 1 2004valetta
Paesi Bassi25 marzo 1957Amsterdam
poloniaMaggio 1 2004Varsavia
Portogallo1 gennaio 1986Lisboa
Regno Unito1 gennaio 1973Londra
Repubblica CecaMaggio 1 2004Praga
Romania1 gennaio 2007Bucarest
Svezia1 gennaio 1995Stoccolma

Inoltre, con il lancio dell'Unione economica e monetaria (UEM), non solo è stato istituito un mercato comune, ma un valuta singola: l'euro (€). Ecco come nasce la chiamata l'area dell'euro o zona euro nel 2002, a cui si sono progressivamente aggiunti vari Stati membri.

Il Regno Unito e la Danimarca, nonostante facciano parte dell'Unione Europea, hanno deciso di rimanere fuori dall'Eurozona dopo la ratifica del TUE. Pertanto, la valuta del Regno Unito è sterlina inglese (£) e, quello della Danimarca, la corona danese (kr).

Accordo di Schengen

L'accordo di Schengen è stato firmato nel 1985 e mira ad abolire i controlli alle frontiere all'interno della cosiddetta area Schengen, che prevede la creazione di un zona di libera circolazione. Il Regno Unito e l'Irlanda, sebbene partecipino per certi aspetti, hanno deciso di restarne fuori.

Così, lo spazio Schengen è entrato in vigore e ha iniziato a funzionare nel 1995. Grazie a questo spazio comune, i paesi membri godono dell'assenza di controlli alle frontiere quando si spostano da un paese all'altro. Insomma, lo spazio Schengen funziona in termini migratori come se fosse a unico paese.

Vi è una certa confusione in questa materia, poiché vi sono Stati membri che non vi appartengono e paesi terzi che vi appartengono. Pertanto, di seguito elenchiamo i paesi che compongono l'area Schengen:

  • Germania
  • Austria
  • Belgio
  • Danimarca (eccetto Groenlandia e Isole Faroe)
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Spagna
  • Estonia
  • Finlandia
  • Francia (eccetto i territori d'oltremare)
  • Grecia
  • Repubblica Ceca
  • Ungheria
  • Islanda
  • Italia
  • Lettonia
  • Liechtenstein
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Malta
  • Norvegia (tranne le Isole Svalbard)
  • Paesi Bassi (eccetto Aruba, Curaçao, Sint Maarten e Caraibi olandese)
  • polonia
  • Portogallo
  • Svezia
  • Svizzera

Dei paesi sopra elencati, l'Islanda, il Liechtenstein, la Norvegia e la Svizzera sono paesi non UE che sono comunque inclusi nell'area Schengen. In Grecia, l'ingresso nella regione del Monte Athos è vietato alle donne e agli uomini che lo desiderano avranno bisogno di un permesso speciale (il diamonitrione). Anche in Ceuta y Melilla Ci sono una serie di disposizioni speciali per i viaggiatori marocchini.

Andorra Si tratta di un microstato europeo che non è menzionato nell'elenco precedente, ma che ha comunque un accordo con l'UE in base al quale è consentita anche la libera circolazione delle persone. Ai posti di frontiera si applicheranno le stesse condizioni dei territori dell'UE al di fuori dell'area Schengen. Nel tuo caso, gli stranieri che viaggiano con un visto Schengen avranno bisogno di un visto per ingressi multipli.

Monaco Né effettua controlli alle frontiere per entrare nel paese, poiché ha un accordo con la Francia. Ciò significa che anche se non fa parte dello spazio Schengen, in pratica è come se lo facesse. San Marino e Città del Vaticano Ognuno ha un confine con l'Italia, perché è possibile entrarvi solo attraversando l'Italia e superando i corrispondenti controlli che si effettuano in questo Paese per gli stranieri.



zona euro

El Area Economica Europea (EEA) è stata fondata nel 1994 dopo un accordo tra diversi paesi membri dell'Unione Europea e l'Associazione Europea di Libero Scambio (EFTA), ad eccezione della Svizzera. La creazione del SEE ha consentito ai paesi membri dell'EFTA di partecipare al mercato interno comune dell'UE senza dovervi aderire.

L'euro (€) è la valuta ufficiale della zona euro che, dal 2014, è condivisa da 19 dei 28 Stati membri. Attualmente utilizzato da oltre 337 milioni di europei, l'euro è la seconda valuta più scambiata al mondo dopo il dollaro USA ($).

Pertanto, il mercato comune è sia un'unione doganale che un'area di libero scambio. Quindi, per gli Stati membri non ci sono tariffe di confine e il transito di capitali e servizi è gratuito. Di seguito sono riportati gli stati che compongono il SEE insieme alla valuta sostituita dall'euro:

PaeseMoneta precedente
GermaniaMarco tedesco
AndorraFranco andorra e peseta andorrana
AustriaScellino austriaco
Belgiofranco belga
Città del VaticanoLira vaticana
CiproSterlina cipriota
SlovacchiaCorona slovacca
SloveniaTolar sloveno
SpagnaPeseta spagnola
EstoniaCorona estone
FinlandiaMarchio finlandese
FranciaFranco francese
GreciaDracma greca
IrlandaSterlina irlandese
ItaliaLira italiana
LettoniaLat lettone
LituaniaLitas lituano
LussemburgoFranco lussemburghese
MaltaLira maltese
Monacofranco monegasco
Paesi BassiFiorino olandese
PortogalloScudo portoghese
San MarinoLira Sanmarinense

El Regno Unito, Danimarca y Svezia Non hanno adottato l'euro nonostante siano paesi che fanno parte dell'UE. Pertanto, per viaggiare in questi paesi, dovremo cambiare la nostra valuta in sterlina inglese, la corona danese o la corona svedese, rispettivamente. Né altri paesi di recente adesione come Bulgaria, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Romania.

Si prevede che tutti loro finiranno per adottare l'euro entro il 2019, sebbene Regno Unito e Danimarca abbiano una clausola di esclusione e, per ora, non è contemplata la possibilità che questi paesi adottino l'euro.

Documenti di viaggio

I cittadini di qualsiasi paese dell'Unione europea non hanno bisogno di presentare né documento d'identità nazionale né passaporto viaggiare tra i paesi membri dell'area Schengen. Tuttavia è possibile che in alcuni aeroporti venga richiesto il documento di identità nazionale come modalità per regolarizzare il transito dei passeggeri.

Inoltre, sebbene non sia necessario portare con sé la documentazione, si consiglia sempre di portare con sé il passaporto o la carta d'identità come mezzo per provare la propria identità se necessario (es. Se richiesto dalla polizia). Si consiglia inoltre di richiedere la tessera sanitaria europea (TSE), un documento personale che certifica il diritto a ricevere assistenza sanitaria durante il nostro soggiorno temporaneo nel territorio di uno Stato membro del SEE o in Svizzera.

Si precisa che, non essendo appartenenti all'area Schengen, nei seguenti paesi sarà necessario presentare un documento di identità o passaporto in corso di validità per poter attraversare il confine: Croazia, Bulgaria, Cipro, Irlanda, Regno Unito e Romania.

La cosa più consigliabile prima di partire è controllare quali sono i documenti validi per lasciare il proprio Paese e visitare uno di questi Paesi che non appartengono all'area Schengen. Le seguenti situazioni sono considerate casi speciali e devono essere prese in considerazione le seguenti:

  • I parenti extracomunitari (nativi di paesi extra UE) possono accompagnarti o incontrarti se si recano in un altro paese dell'UE. In ogni caso è fondamentale che portino sempre con sé un passaporto in corso di validità e, a seconda del Paese di origine, possono richiedere anche un visto d'ingresso alla frontiera. Per evitare problemi, è meglio consultare il tuo caso specifico presso il consolato o l'ambasciata del paese in cui ti recherai.
  • I minori che viaggiano da soliIn compagnia di maggiorenni che non hanno la custodia legale o in compagnia solo del padre o della madre, devono presentare il passaporto o documento di identità in corso di validità, nonché un documento ufficiale che autorizza il viaggio. Tale autorizzazione deve essere firmata da entrambi i genitori, dall'altro genitore o da coloro che hanno la custodia legale. In ogni caso, non ci sono normative comunitarie al riguardo e ogni paese può adottare le proprie misure.

In caso di smarrimento o smarrimento del passaporto o DNI, o nel caso in cui uno di essi scada durante il viaggio, tutti i paesi membri dell'UE possono fornire una soluzione in questi casi. Anche così, ogni paese è libero di decidere se o quando consentire ai cittadini di entrare o uscire dal proprio territorio senza un documento di viaggio valido, anche se sono cittadini naturali di un paese dell'UE.

Questo articolo è stato condiviso 70 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: