In 3.000 anni di storia, il Egitto antico aveva un totale di 33 dinastie. Prima di tutto, è fondamentale conoscere la definizione di dinastia, che è la seguente: insieme di governanti che provengono dalla stessa famiglia.

In questo articolo troverete una sintesi della storia dell'Egitto divisa per fasi, tra le quali si segnalano gli eventi più importanti delle principali dinastie e le loro faraoni. Oggi conosciamo tutti questi fatti grazie in parte a Manetho, uno storico egiziano del III secolo a.C.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Periodo arcaico

Questo primo periodo va dal 3000 al 2686 a.C. e comprendeva le prime due dinastie egizie. All'inizio, l'Alto e il Basso Egitto erano due regni diversi, ma Menes, chiamato anche Narmer, re dell'Alto Egitto, conquista l'altra parte.



È dopo il periodo protodinastico quando, unendo le due parti del territorio, il dinastia I, la cui capitale è fissata a Memphis. C'erano un totale di otto faraoni e le città iniziarono a svilupparsi lungo il Nilo, inoltre viene creata la scrittura. Hai maggiori informazioni su di lei in questo articolo: Scrittura egizia e geroglifici: significato e caratteristiche.

Il periodo proto-dinastico o dinastia zero è il tempo prima del periodo arcaico dell'Egitto. Vi furono consacrati i primi re della zona.

Nella II dinastia, il cui primo presidente era Hetepsejemuy, il potere era centralizzato, attraverso il quale una decina faraoni. Durante questi anni ci fu una sorta di conflitto o guerra civile, poiché tutti i governatori usavano il titolo di Horus, meno Sejemib, che ha usato quello di Seth.

Antico impero

Nel 2686 a.C. iniziò l'Antico Regno, quando i leader riuscirono a formare un governo centrale che aveva il potere assoluto. Questo potere rimase fino al 2181 a.C. e quattro diverse dinastie passarono al potere. Era uno dei periodi di prosperità di Egitto.

All'interno della III dinastia, Zoser si distingue, poiché la prima piramide fu eretta durante il suo mandato: la Piramide a gradoni di Zoser, a Saqqara. Inoltre, le miniere iniziarono ad essere sfruttate nel Sinai, una penisola del Medio Oriente.

Nella IV dinastia spedizioni di guerra furono inviate in Nubia e Libia. D'altra parte, la Grande Piramide di Cheope è stata costruita, così come la Grande Sfinge di Chefren, entrambe a Giza.

È durante la V dinastia, fondata da Userkaf, quando la religione assume più rilevanza e Ra e Osiride acquisiscono maggiore importanza. Cominciano a fare incisioni funebri sulle piramidi.

È nella VI dinastia quando il primo faraone di Civiltà egizia, oltre ad essere una delle prime dominatrici al mondo: Nitocris. Questo periodo finisce a causa degli scontri tra faraoni e nobili.

Primo periodo intermedio

Tra il 2181 e il 2025 a.C. troviamo il Primo Periodo Intermedio. In questo periodo di guerra regnarono dalla dinastia VIII alla X. Questa prima fu breve e soffrì di grave instabilità economica. Quasi nessun documento è conservato e c'è stato un notevole saccheggio alle piramidi.

In questa fase c'è un file invasione L'Asia nel delta del Nilo La crisi e gli scontri con il nomarchi, i governatori di ogni dipartimento del territorio.

I faraoni della dinastia IX ebbero influenza solo nel Basso Egitto, mentre il nomarchi stabilirono la loro capitale a Heracleópolis. Lo stesso è accaduto in Dynasty X, che, suggeriscono alcuni testi, non è nemmeno nata.

Regno di Mezzo

Nel 2025 a.C. inizia il Regno di Mezzo, che dura fino al 1773 a.C. È un periodo in cui si sviluppano le arti, in particolare la produzione di gioielli. L'Egitto ha raggiunto un notevole potere commerciale e ha continuato con i grandi progetti di costruzione. La capitale divenne Tebe.

Durante l'XI dinastia avvenne il passaggio dal Primo Periodo Intermedio al Medio Regno, grazie al faraone Mentuhotep II, che riunificato tutte le parti dell'Egitto.

Nella 3.000a dinastia fu costruita la Piramide di Hawara, accanto alla quale fu creato un labirinto che, secondo Erodoto, uno dei principali storici greci del V secolo a.C., aveva un totale di XNUMX stanze. Fu anche costruito un canale che collegava il Nilo con il Mar Rosso.

Sebbene fosse un periodo di splendore in cui c'erano anche nuove spedizioni in Medio Oriente, gli Hyksos, un popolo del Medio Oriente, invasero il delta del Nilo.

Secondo periodo intermedio

Durante questo periodo, che durò tra il 1773 e il 1550 a.C., si susseguirono cinque dinastie. Il XIII è caratterizzato da periodi brevi, di mesi pari, eseguiti da militari e stranieri.

Nessuno di questi governanti ottiene il potere assoluto dall'Egitto. Inoltre, questo territorio è suddiviso in tre regioni diversi, che sono stati stabiliti in queste aree:

  • Il delta del Nilo e Memphis
  • Il territorio da El-Fayum alla Nubia
  • Tebe e la sua regione

Nella XIV dinastia si formarono due regni indipendenti: quello a nord-ovest e quello a nord-est del delta. I governanti erano ancora stranieri ed erano circa 70. Gli Hyksos controllavano il nord dell'impero durante la XV dinastia. Tuttavia, i suoi cinque rappresentanti hanno preservato la cultura e la forma di organizzazione egiziane.

La XVI dinastia governò l'Alto Egitto per 70 anni e localizzò la capitale a Tebe. Di queste date non ci sono quasi resti archeologici. I faraoni erano governanti locali.



La XVII dinastia passò come la XVI, mentre gli Hyksos controllavano il nord e il centro dell'impero. Con il faraone Kamose ci furono scontri con il nord e gli Hyksos furono espulsi.

Nuovo regno

Il Nuovo Regno si fece strada tra il 1550 e il 1069 a.C. In questo periodo c'è una rinascita dell'arte, anche se troviamo anche corruzione, furto e saccheggio.

Il periodo di massimo splendore dell'antico Egitto avvenne durante la XVIII dinastia. Amenhotep IV compie un grande cambiamento nella religione, il che accade monoteista. Adora Aton, il dio del sole, e quindi cambia il suo nome in Akhenaton, che significa bagliore di Aton.

In questi anni la capitale passa da Tebe ad Amarna. Dopo il suo regno, sua moglie Nefertiti governò. Successivamente, per mano di Tutankhamon, la capitale ritorna a Tebe e le credenze precedenti vengono ristabilite.

Tutankhamon è famoso per i misteri che riemersero dopo la scoperta della sua tomba nel 1922. Tuttavia, il suo governo fu relativamente breve, poiché morì all'età di 18 anni.

Se vuoi saperne di più sulla vita di Tutankhamon e sul resto dei faraoni di spicco, ti consigliamo questo articolo: Faraoni dell'antico Egitto.

La XIX dinastia, insieme alla XX, è conosciuta come Era Ramsesid. Durante questo periodo, Ramses II conquistò la Nubia e ordinò la costruzione di Abu Simbel. Era il faraone con cui sono stati realizzati il ​​maggior numero di edifici.

Nella XX dinastia, Ramses III fermò gli invasori dai Balcani, dall'Asia Minore e dall'Oriente. Tuttavia, quelli noti come Popoli del mare (i Troiani e alcuni alleati), finiscono per stabilirsi in grandi città come Memphis. Dopo questo sovrano, i faraoni stanno perdendo potere davanti ai sommi sacerdoti di Amon.

Terzo periodo intermedio

Nel 1069 aC inizia il Terzo Periodo Intermedio, che dura fino al 656 aC In questa fase il territorio viene nuovamente diviso tra Basso e Alto Egitto. Dopo la XNUMXa dinastia, entrambi i partiti sono governati da leader Libici.

La prima dinastia libica è la XXII. Questi portano alcune delle loro usanze, come l'istituzione di una sorta di feudi. Allo stesso tempo, un parente fonda la XXIII dinastia.

Un'altra tribù libica si stabilì nell'Egitto occidentale e creò la XXIV dinastia, che tentò senza successo di conquistare l'Alto Egitto. Producono cambiamenti nella religione, poiché il culto degli animali viene eseguito e la pratica degli oracoli viene estesa.

Allo stesso tempo troviamo anche la XXV dinastia, che conquistò un'area della Nubia e riuscì a controllare l'Alto Egitto. Riunirono l'impero e rimasero l'unica famiglia regnante. C'erano cinque faraoni di origine nubiana, che divennero noti come faraoni neri.

Negli ultimi anni si è verificata un'invasione assira. Questi iniziarono controllando il Basso Egitto per porre fine al potere dell'intero territorio.

Periodo tardo

Nel periodo tardo, tra il 672 e il 332 a.C., troviamo la XXVI dinastia o Saita, che proviene dal XXIV ed era l'ultimo di origine autoctona. Durante questo regno cade l'impero e il persiano prendono l'Egitto. In questo articolo hai maggiori informazioni su quest'altra civiltà: Antica Mesopotamia: civiltà più importanti.

La XXVII dinastia è anche conosciuta come prima dominazione persiana. Il XVIII è formato da un unico sovrano che regnò per sei anni: Amirteo. La XXIX dinastia sposta la capitale a Mendes. Negli ultimi anni si sono verificate rivoluzioni.

Nella XXX dinastia si realizza l'espulsione dei Persiani e si raggiunge un periodo di prosperità. Tuttavia, nel 343 a.C., i Persiani riconquistarono l'Egitto e si stabilì la XXXI dinastia, caratterizzata da violenza e oppressione. È Alessandro Magno che invade la Persia e riesce a espellere questo popolo dalla zona.

Periodo ellenistico

Si chiama la fase tra il 332 e il 30 a.C. Periodo ellenistico. In esso, durante la dinastia macedone, Alessandro Magno viene incoronato faraone. Fonda Alessandria e gli succedono Filippo III e Alessandro IV.

Il suo generale Tolomeo fonda la dinastia tolemaica. Ha dotato l'Egitto di una stabilità che è durata tre secoli. Inoltre, ha adottato le tradizioni egiziane. Di questi anni è la famosa Rosetta Stone.

La Pietra di Rosetta è una grande roccia in cui troviamo lo stesso testo scritto in tre lingue diverse: antico geroglifico, demotico egiziano e greco antico. Fu scoperto da Napoleone nel 1799.

L'ultimo faraone è stato Cleopatra VII, che si unì all'imperatore romano Giulio Cesare per sconfiggere suo fratello e marito Tolomeo XIII, con il quale ebbe diversi scontri. Successivamente si è sposata con Marco Antonio. Nell'immagine seguente, possiamo vederlo rappresentato a sinistra:

Infine, dopo la morte della coppia, l'imperatore Augusto annesse l'Egitto all'Impero Romano, ponendo fine a una delle civiltà più importanti della storia.

Questo articolo è stato condiviso 947 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: