In Brasile troviamo diverse malattie che possono rappresentare un rischio per la salute dei viaggiatori, come nel caso della febbre gialla. Per questo motivo, è importante conoscerli e sapere quali vaccini e requisiti sanitari devono essere presi in considerazione per recarsi in questo paese.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Indice degli articoli

Vaccini per viaggiare in Brasile: quali sono le principali malattie?

Principali malattie

In questo paese troviamo numerosi disturbi che sono contagiosi, quindi è necessario adottare misure precauzionali. Molti di loro sono elencati come tropicale.



tropicale

In Brasile c'è la possibilità di contrarre alcuni di questi disturbi, che sono presenti a causa del clima del Paese. La maggior parte viene trasmessa dalle zanzare.

Uno è il febbre gialla. I sintomi che produce sono simili a quelli dell'influenza e si manifestano tra tre e sette giorni dopo il morso. Le aree di maggior rischio sono le seguenti:

  • Amapá
  • Amazon
  • acro
  • Rondonia
  • Roraima
  • Tocantins

La malaria o malaria è un'infezione dei globuli rossi. I primi effetti sono mal di testa e febbre. È considerato endemico, poiché è comune in questo paese.

La dengue è anche diffusa da a zanzara e non si trasmette da persona a persona. È più comune nella stagione delle piogge. Produce forti dolori, febbre alta e vomito. Sebbene non esista un trattamento specifico, può essere superato in due settimane. È presente anche la leishmaniosi, soprattutto ad Acri.

Onocercosi, nota anche come cecità fluviale, viene infettato dal morso della mosca nera. Questa malattia colpisce la pelle e gli occhi. Provoca prurito intenso, condizioni della pelle deturpanti e lesioni agli occhi, che possono portare alla cecità permanente.

L'ultimo virus a raggiungere le regioni tropicali è stato lo Zika. Viene trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti, anche causa di febbre gialla, dengue e febbre chikungunya, presenti anche nel territorio. Questo virus è pericoloso, soprattutto nelle donne in gravidanza, poiché può causare microcefalia nel feto.

infettivo

Ci sono altri disturbi che, sebbene non siano legati al clima del paese, sono contagiosi, quindi dovrebbero essere presi in considerazione quando si viaggia in Brasile.

Il rischio di contrarre tubercolosi e la meningite è rara, ma è consigliabile non stare in spazi chiusi e affollati di persone. Il Brasile è al 22 ° posto in termini di tasso di incidenza della tubercolosi.

La febbre maculosa brasiliana è presente nella zona di Belo Horizonte. Viene trasmesso dalle zecche, ma può anche essere acquisito da roditori già colpiti.

A Salvador de Bahia c'è un certo rischio di leptospirosi. Viene infettato attraverso il contatto della pelle e delle mucose con acqua e suolo contaminati dall'urina di animali infetti. Esistono molte specie che possono essere portatrici di questo batterio.

L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) colpisce anche le malattie veneree o sessualmente trasmissibili come l'AIDS (HIV). Per questo motivo, le pratiche a rischio dovrebbero essere evitate e non dobbiamo dimenticare di utilizzare la protezione. Per quanto riguarda l'Ebola, non ci sono rischi in questo paese.

Anche se non è una condizione in sé, bisogna stare attenti sulle spiagge, perché il bug do pe o la pulce di sabbia penetra nella pelle attraverso il piede e può causare varie complicazioni.

Sebbene siano presenti e importanti, questi disturbi non sono l'unico problema per la popolazione, poiché il 30% dei decessi in Brasile si verifica a causa di malattie cardiovascolari. Colpiscono principalmente la popolazione povera.

Nella città di Araras, Goiás, c'è una malattia raro noto come xeroderma pigmentoso, che rende la pelle estremamente sensibile alla luce solare. Ciò aumenta il rischio di cancro della pelle e fa sì che la pelle si "sciolga". Tuttavia, è conveniente sapere che non è contagioso.

vaccinazione

Attualmente non esiste una vaccinazione obbligatoria per viaggiare in Brasile. Tuttavia, se hai intenzione di lasciare le principali città e attraversare territori come l'Amazzonia, è consigliabile vaccinarsi contro la febbre gialla.



Questo può essere inserito in viaggiatori di età superiore a nove mesi. Se è la prima volta, deve essere somministrato dieci giorni prima del viaggio. È anche importante prenderlo se vai a Cataratas dell'Iguazú.

Inoltre, la vaccinazione recomendada per qualsiasi area del Brasile è la seguente:

  • Epatite A
  • Tetano-difterite
  • MMR (morbillo, rosolia e parotite)

Se viaggi con un neonato o un bambino piccolo, devono avere le vaccinazioni in ordine, ma non è richiesto altro.

Negli anni si sono verificati focolai di influenza suina, o H1N1, per i quali esiste un vaccino. Lo stesso è il caso del morbillo, contro il quale sono state prese speciali precauzioni durante i Mondiali di calcio 2014. Prima di recarsi in Brasile, è consigliabile verificare lo stato di questi disturbi nella zona.

Il vaccino contro la dengue non è molto diffuso. Comincia ad essere utilizzato in alcuni paesi ed è destinato ad essere esteso in aree endemiche di territori come il Brasile. Non esiste immunizzazione contro la malaria.

Requisiti sanitari per gli spagnoli

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione spagnolo prepara diverse raccomandazioni sanitarie per i turisti che stanno pensando di recarsi in Brasile.

Poiché la maggior parte delle malattie vengono trasmesse dalla zanzara, a repellente efficace. Inoltre, durante il giorno, è meglio indossare abiti chiari che coprano la maggior parte del corpo. L'area di maggior rischio è il Nordest.

Per evitare infezioni gastrointestinali, non dovresti bere l'acqua del rubinetto. Frutta e verdura devono essere lavate e disinfettate. È preferibile consumare cibi cucinati e acquistati in stabilimenti di qualità.

Ci sono alcune spiagge negli stati di Santa Catarina e San Paolo dove la balneazione è vietata a causa dell'inquinamento esistente. È conveniente conoscere lo stato della costa.

Inoltre, devi sempre stipulare un'assicurazione sanitaria che abbia una buona copertura. Ciò deve includere almeno il ricovero in ospedale, la chirurgia e il rimpatrio. Se vengono assunti farmaci, devono essere nella loro scatola originale e con la prescrizione.

Raccomandazioni per gli argentini

L'Istituto brasiliano del turismo (Embratur), insieme all'ambasciata brasiliana a Buenos Aires e alla polizia federale brasiliana, hanno redatto una guida di consigli per gli argentini che decidono di visitare il Paese.

Si consiglia di vaccinarsi contro la febbre gialla dieci giorni prima del viaggio se visiteranno alcune parti del paese come Amazonas, Brasilia o il nord-ovest dello Stato di San Paolo.

Per qualsiasi problema durante la visita, puoi contattare l'Ambasciata argentina in Brasile tramite questo telefono: +55 (61) 3364-7600. Inoltre, se vuoi conoscere il resto delle indicazioni, puoi accedervi cliccando in questo link.

Suggerimenti per messicani e cileni

Il Ministero messicano degli Affari Esteri rende disponibili alcune linee guida. Nell'aspetto sanitario, consiglia ai messicani di assumere un assicurazione delle spese mediche con copertura internazionale.

Prima di mettersi in viaggio, è opportuno scoprire se sono allergici a qualche medicinale o alimento. Inoltre, dovrebbero evitare le aree antigieniche, poiché sono luoghi in cui è possibile contrarre la dengue.

Allo stesso modo, il Ministero del lavoro e della previdenza sociale del Cile sottolinea anche che, qualunque sia la destinazione, è necessario stipulare un'assicurazione medica e garantire i vaccini necessari per evitare di contrarre qualsiasi malattia.

Questo articolo è stato condiviso 75 volte. Abbiamo impiegato molte ore a raccogliere queste informazioni. Se ti è piaciuto condividilo, per favore: